Immagine
 ufficiostampa.isd@gmail.com - segreteria.isocialdemocratici@gmail.com... di Ufficio Stampa
 
"
Un ideale ci deve esser caro soltanto perché è vero, e non perché è nostro.

BELINSKIJ
"
 
\\ Home Page : Storico : Ufficio Stampa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, disposti in ordine cronologico.
 
 
Il presidente dell'Internazionale Socialista, Georges Papandreou, durante un incontro ufficiale con il gruppo del PSE al Parlamento Europeo ha annunciato che il Partito del Congresso dell'India ha deciso di instaurare un rapporto strutturato con l'Internazionale Socialista, un passo deciso nel cammino verso una futura adesione dell'importante movimento nazionale indiano:Sonia Gandhi «Dopo il mio incontro con l'amica Sonia e il ministro degli Esteri indiano - ha detto il presidente dell'Internazionale Socialista Giorgos Papandreou - ho il piacere di annunciare la sostanziale partecipazione di questo grande partito, il Partito del Congresso, all'Internazionale socialista in modo organico e sistematico, cosa che certamente contribuirà a dare all'India una voce, ma rafforzerà al tempo stesso la voce dei socialisti e delle forze progressiste nel mondo. Con questo messaggio vogliamo mettere in luce il ruolo che l'Internazionale Socialista ha nei dibattiti mondiali che riguardano i grandi temi della nostra epoca».
Pittella, Presidente della delegazione italiana nel gruppo del Pse ha dichiarato: «Si tratta, indubbiamente, della felice conferma che la famiglia socialista nel mondo è ben viva e resta forza attrattiva per i movimenti democratici e progressisti dovunque essi operino».
Una cosa è certa, il netto avvicinamento alla famiglia socialdemocratica del Partito del Congresso guidato da Sonia Gandhi - storico soggetto politico dell'India nonchè, con il suo miliardo d'abitanti, faro della coalizione di Governo della più grande democrazia del mondo - è un chiaro messaggio per chi vedeva giunta al tramonto una Internazionale vincolata all'idea, quasi arcaica, di un socialismo liberale e democratico.
Un forte segnale in chiara controtendenza per tutti coloro che continuano a chiedere a più riprese, a nome di un'anomalia tutta italiana, di cambiare fisionomia ed identità al Partito del Socialismo Europeo ed all'Internazionale Socialista.
 
Dopo la diaspora i socialisti riaprono il dialogo. Le delegazioni dello Sdi, del Nuovo Psi, del movimento «I Socialisti» e del Partito Socialdemocratico, guidate da Dionigi Guindani, Fausto Ghidoni, Mariano Comini e Vito Robles, si sono incontrate per valutare la situazione politica nazionale e locale. «Nelle alleanze c’è la prevalenza di un metodo di gestione dei programmi condizionato dalle ali estreme a discapito delle forze riformiste - sostengono - L’Italia rischia cosìdi essere un Paese in cui è normale il rinvio costante delle innovazioni capaci di garantire adeguato sostegno alle imprese nella concorrenza di mercato globalizzata. E, complessivamente, un Paese che fatica a essere moderno, laico e liberale».
I quattro, richiamandosi al progetto della «grande riforma» e della «valorizzazione dei meriti e dei bisogni» lanciato da Bettino Craxi 25 anni fa a Rimini, sostengono: «In Italia c’è un deficit di Riformismo che non si riesce a colmare condizionato dal non aver saputo contestualizzare storicamente, e poi affrontare con decisione, le grandi questioni di fondo dell’affermazione di uno stato liberale laico e della prevalenza delle ragioni e dei metodi della socialdemocrazia che caratterizzano il modello sociale e politico europeo».
Da qui nasce l’esigenza di «attivare insieme una riflessione utile e finalizzata al superamento della diaspora socialista. Questa riflessione comune potrà esternarsi, in una prima fase, in iniziative culturali e politiche rivolte a quegli elettori socialisti che in questi anni hanno orientato il proprio voto verso le più diverse forze piolitiche, fa Forza Italia fino ai Ds, oppure che si sono astenuti dal voto. Un dialogo utile anche a Brescia, nella amministrazioni della città capoluogo e della provincia, i socialisti, da sempre, hanno espresso politiche lungimiranti e amministratori di qualità e hanno dato un contributo decisivo alle scelte per il futuro e lo sviluppo economico, sociale e culturale delle nostre comunità».
Da qui la decisione di dar vita a un «forum socialista - liberale» che dovrà essere «strumento per promuovere dibattiti, iniziative culturali e riflessioni comuni su temi di interesse collettivo, nazionale e locale, al fine di dare una lettura dei fenomeni sociali e indicare le soluzioni possibili».
 
Si sono incontrate le delegazioni dei Socialisti democratici italiani (Sdi), del Nuovo Psi, del Movimento «I Socialisti» e del Partito Socialdemocratico di Brescia guidate rispettivamente dai segretari e coordinatori provinciali Dionigi Guindani, Fausto Ghidoni, Mariano Comini, Vito Robles.
Ne danno conto le stesse forze politiche attraverso un comunicato congiunto: «Dopo una approfondita riflessione, pur con accenti diversi, sulla situazione politica nazionale e locale, gli intervenuti hanno condiviso l’analisi che la ragione di fondo della carenza di reali politiche di riforme è da imputarsi, in prima istanza, alle leggi elettorali che hanno determinato anomale aggregazioni. Se, da un lato, ciò ha consentito anche in Italia l’alternanza di governo nelle ultime legislature, ha anche determinato, nelle alleanze, la prevalenza di un metodo di gestione dei programmi condizionato dalle ali estreme degli schieramenti a discapito delle forze riformiste».
«Dal progetto della "grande riforma" e della "valorizzazione dei meriti e dei bisogni" lanciato da Bettino Craxi nella Conferenza programmatica di Rimini - ricorda ancora la nota - sono passati 25 anni. Ma l’ambiguità del sistema politico e delle contraddittorie alleanze, costruite più per vincere che per governare, impedisce ancora oggi non solo di affrontare con determinazione i grandi temi strutturali ma anche di proseguire ed aggiornare quelle analisi anticipatorie».
Secondo i socialisti «in Italia c’è un deficit di riformismo che non si riesce a colmare condizionato dal non aver saputo contestualizzare storicamente, e poi affrontare con decisione, le grandi questioni di fondo dell’affermazione di uno stato liberale laico e della prevalenza delle ragioni e dei metodi della socialdemocrazia che hanno caratterizzato e caratterizzano il modello sociale e politico europeo».
I socialisti «ritengono quindi che sia maturo il tempo per attivare insieme una riflessione utile e finalizzata al superamento della diaspora socialista, premessa indispensabile per lanciare la "questione socialista" di cui il Paese ha bisogno per recuperarne una forte politica riformista».
La riflessione comune «potrà esternarsi, in una prima fase, in iniziative culturali e politiche rivolte anche a quegli elettori socialisti che in questi anni hanno orientato il proprio voto verso le più diverse forze politiche, da FI fino ai Ds; oppure che si sono astenuti dal voto».
Secondo il documento congiunto si tratta di «un dialogo utile anche perché a Brescia, nelle amministrazioni della città capoluogo e della provincia, i socialisti, da sempre, hanno espresso politiche lungimiranti ed amministratori di qualità, ed hanno dato un contributo decisivo alle scelte per il futuro e lo sviluppo economico, sociale e culturale delle nostre comunità».
Le delegazioni dello Sdi, del Nuovo Psi, del Movimento «I Socialisti» e del Partito Socialdemocratico decidono quindi di dare vita ad un «forum socialista-liberale» che non è sommatoria di sigle della «diaspora», ma luogo di dibattito e di attività politica in cui possono riconoscersi tutti i socialisti vecchi e nuovi.
 
di Ufficio Stampa (del 31/01/2007 alle 12:27:48, in Ufficio Stampa, linkato 1031 volte)


Ecco l'immagine relativa all'articolo pubblicato oggi, mercoledì 31 gennaio, su "La Repubblica" (Mimmo Magistro).
 
di Ufficio Stampa (del 29/01/2007 alle 14:34:19, in Ufficio Stampa, linkato 1405 volte)
Apprendiamo, dal sito ufficiale del PSDI, la nomina a segretario generale del Dott. D’Andria avvenuta, per acclamazione, durante il Congresso di Fiuggi nei giorni scorsi.
Le particolari vicende giudiziarie personali del Dott. D’Andria ci inducono a considerare, almeno per il momento, la inopportunità di proseguire concretamente la fattiva collaborazione fra il nostro Movimento ed il Vostro Partito, sancito da un patto federativo.
Se gli avvenimenti futuri dovessero portare il Dott. D’Andria a prendere in considerazione la necessità di dimettersi, verificheremo l’opportunità di proseguire la collaborazione stante la comune aspirazione di rinascimento del mezzogiorno d’Italia.

 
di Ufficio Stampa (del 29/01/2007 alle 12:17:33, in Ufficio Stampa, linkato 1050 volte)


Ecco l'immagine relativa all'articolo pubblicato oggi, lunedì 29 gennaio, su "La Repubblica" (Sebastiano Messina).
 
Ci sono 56 persone collegate

< dicembre 2018 >
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARCHIVIO STORICO (1)
Articoli Magistro (38)
Curiosità (2)
Eventi (28)
Lettere Aperte (88)
politica (29)
Ufficio Stampa (506)
Verso il XXVIII Congresso Nazionale del PSDI (8)
W il Blog (1)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Gli interventi più cliccati


Titolo
Archivio (12)
Rassegna Stampa (28)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Il disegno di Legge sul Federalismo, cosa ne pensi?

 Buono
 Passabile
 Indecente

Titolo
Collabora con NOI
Registrati subito al nostro blog e potrai scrivere articoli, pubblicare foto e demo mp3...
Clicca qui

Login (Area Riservata)
Ingresso dedicato a tutti gli Autori del blog...
Clicca qui

Contattaci
Invia pure un messaggio al seguente indirizzo e-mail
PSDI (Direzione Nazionale)




17/12/2018 @ 01:18:07
script eseguito in 47 ms