Immagine
 ufficiostampa.isd@gmail.com - segreteria.isocialdemocratici@gmail.com... di Ufficio Stampa
 
"
Un ideale ci deve esser caro soltanto perché è vero, e non perché è nostro.

BELINSKIJ
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, disposti in ordine cronologico.
 
 
di Ufficio Stampa (del 29/01/2013 alle 18:34:03, in Eventi, linkato 738 volte)
 
di Ufficio Stampa (del 18/11/2011 alle 11:48:24, in Eventi, linkato 1357 volte)
Cari compagni, la Direzione Nazionale è convocata per sabato 19 novembre p.v. a Bari- alle ore 11.00 presso il Victoria Hotel di Bari Palese, per discutere sul seguente o.d.g.: 1) Relazione del compagno Mimmo Magistro e provvedimenti conseguenti; 2) Vaie ed eventuali. La riunione è aperta ai revisori dei conti, ai probiviri, ai segretari regionali, provinciali conchè ai componenti il consiglio nazionale purchè in regola con il tesseramento 2011.
Mimmo Magistro


Cari compagni, faccio seguito alla mie note precedenti per aggiornarvi circa l'esito dei contatti in essere con il dr. Renato D'Andria. Come vi è noto, il Tribunale di Roma dopo avere confermato per tre volte le nostre ragioni nelle fasi cautelari, nell'udienza di merito ha riconosciuto valida la riunione di dicembre 2006 che portò all'elezione del D'Andria a segretario nazionale in sostituzione di Carta. Ho incontrato D'Andrai più volte, anche con i compagni Calì e Longo. Nell'incontro di lunedì scorso ho però definitivamente verificato la indisponibilità organizzativa e politica a vedere riconosciuto l'intero attuale gruppo dirigente. Tenuto conto che già nei congressi e nelle assisi statutarie era stato assunta la decisione di dare discontinuità giuridica al vecchio Partito e che anche ultimamente sono proseguite le notifiche di atti giudiziari relativi a presunti debiti del vecchio PSDI, ritengo utile, alla mia persona ed alla mia famiglia, nonchè per ciascuno di voi(trattandosi di associazione potrebbe insorgere, in linea di principio, un vincolo solidaristico, anche se molto improbabile) lasciare nelle mani del D'Andria la responsabilità giuridica del PSDI, anzichè intraprendere nuove e costose contrapposizioni giudiziarie. Nella riunione della Direzione, anche sulla base di colloqui intercorsi con gli altri vertici del Partito e semplici militanti, dovremmo prendere atto della sitruazione creatasi e contestualemnte dar vita ad un nuovo soggetto politico che nasca sulla base dello Statuto che ci siamo dati nel 2010 e del documento politico approvato a giugno scorso a Barletta, per l'assemblea programmatica. Ovviamente tale documento sarà aggiornato dal compagno Longo alla luce degli ultimi avvevimenti. Ritengo che i socialdemocratici- saragattiani- debbano diventare forza di denuncia degli sprechi della politica e richiedere un ritorno alla volontà dei costituenti anche attraverso un referendum, la cancellazione di tutte le leggi x la casta. I compagni presenti alla Direzione o presenti o Bari potranno sottoscrivere l'atto formativo che , comunque ,vi sarà anticipato con altra nota, unitamente alle proposte della denominazione da assumere ed al simbolo per i quali attendo i vostri consigli. Coloro i quali, pur assenti, condivideranno la proposta potranno inviare per posta elettronica o cartacea la loro adesione. La mia idea è che, nelle more del 1°Congresso -da svolgersi entro il 10 dicembre in caso di scioglimento delle camere o a metà gennaio, il gruppo dirigente rimamga inalterato ovvero che siano sostituiti coloro i quali non hanno rinnovato la tessera o non aderiranno all'iniziativa. I peccati dei padri non devono ricadere sui figli. Purtroppo in questi 5 anni il nostro percorso è stato sempre in salita perchè abbiamo dovuto indirizzare molti sforzi a sanare e giustificare quanti in nome del PSDI, honno depredato lo Stato e danneggiato il movimento. Ogni volta che si parla del PSDI il riferimento non è mai x Saragat (ignorato dalla grande stampa) ma ai Pietro Longo, ed ai Tanassi. Vi abbraccio . Mimmo
 
di Nino Gennaro (del 14/03/2010 alle 22:01:04, in Eventi, linkato 822 volte)
.
I novant'anni di Mauro Ferri


Auguri di buon compleanno al compagno Mauro Ferri, fondatore e primo Segretario Nazionale del Partito Socialista Unitario - ora P.S.D.I. - che compie oggi novant'anni in ottima salute e li festeggia presiedendo un incontro alla Fondazione Nenni.

Nato il 15 marzo 1920, il compagno Ferri è stato Sindaco per la prima volta giovanissimo alla Liberazione nel 1945, poi innumerevoli volte parlamentare sia alla Camera che al Parlamento Europeo, capogruppo, ministro, dirigente dell'Internazionale Socialista. Giurista insigne, ha fatto anche parte del Consiglio Superiore della Magistratura e della Corte Costituzionale, della quale è stato Presidente. La sua Segreteria è ricordata per la grande visione strategica (allora forse troppo avanti per i tempi, ma oggi tutte le sue proposte appaiono perfettamente attuali), per il dinamismo impresso al giovane partito e per la linea di rigore e di intransigenza nella netta chiusura alle forze antidemocratiche, a partire dai comunisti, che l'elettorato socialista premiò con crescenti consensi.




NELLA FOTO: Roma, 5 luglio 1969 - Sala Capuzzi -
L'On. Mauro Ferri, con alla sua destra l'On. Tanassi, in piedi su un tavolo dell'unica sezione socialista romana rimasta agibile dopo che le correnti di sinistra avevano conquistato il PSI-PSDI unificati ed il giorno prima messo in minoranza Nenni, annuncia la fondazione del Partito Socialista Unitario e ne viene acclamato Segretario Nazionale. Il Ministro Preti sale anche lui sul tavolo con un mazzo di garofani rossi per il nuovo Segretario. Meno di un anno dopo - partendo praticamente da zero perché tutte le strutture erano rimaste al vecchio PSI, inclusa la FGSI, la maggioranza della UIL, le cooperative ed i giornali - alle elezioni provinciali e regionali del 7 giugno 1970 il PSU sotto la guida di Ferri raccolse oltre il 7 per cento dei voti e negli 80 comuni capoluogo in cui si votò contemporaneamente addirittura l'8,3 per cento, risultato mai più superato.

"Noi oggi costituiamo - disse il compagno Ferri a Sala Capuzzi - il Partito Socialista Unitario, riprendendo il nome del coraggio, della chiarezza, il nome del Partito che fu di Matteotti e di Turati (...) Noi non abbiamo fatto una scissione, ma abbiamo continuato la battaglia dell'unità socialista nell'unico modo possibile."

.
 

.
Riprende la mobilitazione per il successo del Partito

APERTA LA CAMPAGNA DI TESSERAMENTO 2010

Il compagno Longo commemora Palazzo Barberini


La Sezione "Giuseppe Saragat" di Catania ha tenuto venerdì 8 gennaio la sua prima riunione dell'anno, che è stata principalmente dedicata all'apertura della campagna di tesseramento al PSDI per il 2010.

Sono intervenuti per l'occasione il Segretario Provinciale, compagno Giorgio Natale Mazza, ed il Vice Segretario compagno Onofrio Cannavò.

Cadendo l'incontro in prossimità del 63° anniversario della rifondazione del Partito a Palazzo Barberini ed alla vigilia delle celebrazioni che si svolgeranno a Roma l'11 gennaio prossimo, il compagno Antonello Longo, Vice Segretario Nazionale del PSDI, ha ricordato gli avvenimenti che segnarono la storia del 1947, mettendo in evidenza le ragioni ideali e politiche che spinsero Giuseppe Saragat, con gli autonomisti di "Critica Sociale" ed "Iniziativa Socialista", a provocare la rottura con le correnti "fusioniste" e filosovietiche ed a far rinascere il Partito di Turati, di Matteotti e di Treves.

Il discorso del compagno Longo è pubblicato nel gruppo Facebook "PER IL RILANCIO DEL SOCIALISMO DEMOCRATICO IN ITALIA" al quale chi è registrato su FB può accedere dal sito:

http://www.socialismodemocratico.it

Chi non dovesse aver accesso a Facebook può leggere e stampare il discorso del compagno Longo in formato .pdf (è richiesto Adobe Reader) facendo click qui:

http://www.socialdemocratici.it/barberini.pdf

.

 
di Nino Gennaro (del 08/03/2009 alle 21:36:48, in Eventi, linkato 790 volte)

.
I socialdemocratici etnei si organizzano in vista delle prossime impegnative scadenze

IL PSDI DI CATANIA PREPARA IL RILANCIO DEL PARTITO

I lavori del Comitato Direttivo Provinciale con la partecipazione dei compagni Vincenzo Castiglione, Stefano Gullo e Antonello Longo

Affrontati i temi della crisi economica delle maggiori città siciliane e delle carenze nei servizi e nelle infrastrutture


Nella sala Bellini del Jolly NH Hotel di Catania si è riunito venerdì 6 marzo il Comitato Direttivo della Federazione Provinciale etnea allargato ai dirigenti delle sezioni cittadine. Ai lavori, introdotti dal Segretario Provinciale Giorgio Natale Mazza, hanno preso parte il Segretario Regionale Vincenzo Castiglione, il responsabile per le relazioni internazionali della Direzione Nazionale del PSDI Stefano Gullo ed il Vice Segretario Nazionale del Partito Antonello Longo.

Oggetto della riunione l'esame delle iniziative organizzative e politiche da assumere nei prossimi mesi, anche in vista del prossimo turno di elezioni amministrative del 7 giugno che vedrà interessati nella provincia di Catania i comuni di Acireale, Acicastello, Mascalucia, Motta S.A., Ragalna e Zafferana Etnea.

"I socialisti democratici catanesi sono pronti a mobilitarsi - ha affermato il compagno Giorgio Natale Mazza nella sua relazione - per affermare la loro presenza nella campagna elettorale che interessa un numero cospicuo di elettori, pur tenendo conto delle difficoltà indotte dallo sbarramento al 5 per cento introdotto recentemente in Sicilia non solo per le regionali ma anche per i comuni e le province. Attendiamo che dalla sede nazionale ci giungano i manifesti per il Tesseramento 2009 per affiggerne almeno mille in tutti i principali comuni etnei. E' inoltre fondamentale - ha continuato Mazza - che il PSDI faccia sentire la sua voce, intervenendo su tutti i temi principali che assillano la nostra comunità. In particolare la nostra Federazione è pronta a presentare una articolata proposta rispetto alla crisi economica del Comune di Catania, che rischia di fallire sotto il peso di una enorme massa di debito, assurdamente accumulato negli anni anche al di fuori della contabilità di bilancio. Nelle prossime settimane la piattaforma politico-programmatica dei socialisti democratici catanesi sarà oggetto di un pubblico convegno e per la buona riuscita di questa iniziativa fin da oggi tutto il quadro dirigente è chiamato a lavorare con il massimo impegno, aprendo così il dialogo con la città per una nuova stagione di presenza e di rilancio del Partito."

Un appassionato dibattito sulla relazione di Mazza ha visto gli interventi molto applauditi dei compagni Cannavò, Pesce, Entità, Consoli, Messina, Zuccarello e Castana. Il compagno Antonino Gennaro, in particolare, dopo aver commemorato il compagno Luigi Preti recentemente scomparso, ha svolto una relazione sul nuovo assetto organizzativo della Federazione, che ruota attorno all'apertura di quattro nuove sezioni accanto alle tre già esistenti (le Sez. "Giuseppe Lupis" e "Giuseppe Saragat" di Catania e la Sez. "Giacomo Matteotti" di Adrano, che edita il mensile "Universo Sicilia"). Nello spirito dello Statuto regionale del Partito, la fisionomia del gruppo dirigente a livello provinciale e regionale sarà per l'avvenire configurata non su credenziali notabilari del passato ma sulla effettiva attuale presenza sul territorio attraverso le sezioni. In tal senso va la proposta di integrare il Direttivo Provinciale con due compagni della ricostituita Sez. "Filippo Turati", che è la prima delle nuove quattro ad essere già operativa. Viene infine confermato l'impegno a dotare la Federazione in tempi brevi di una propria sede provinciale.

Il Segretario Provinciale, concordando con la relazione del compagno Gennaro, ha proposto la cooptazione nel Comitato Direttivo dei compagni Alfio Molino e Maurizio Salemi, in rappresentanza della Sez. "Filippo Turati", che è stata unanimemente approvata per acclamazione.

Il Segretario Regionale Vincenzo Castiglione ha analizzato con forti accenti critici il momento politico regionale e nazionale. "Verrebbe voglia - ha detto Castiglione - di disertare il voto, di fronte ad un quadro politico in cui le forze di governo non riescono nemmeno a dire con chiarezza quali siano le reali condizioni dell'economia e della società italiana. La grande crisi mondiale del sistema capitalistico è stata provocata da quegli stessi maghi della finanza che oggi non sanno indicare vie d'uscita da una situazione quanto mai difficile. Cambiano i governi ma la Sicilia viene sempre penalizzata da scelte economiche ingiuste ed incomprensibili: si dirottano i fondi destinati alle opere infrastrutturali verso il nord, con il nuovo Presidente della Regione che persegue alleanze elettorali con Bossi mentre continua a governare con gli uomini di Cuffaro che boicottano ogni tentativo di risanamento. E sono d'accordo anch'io a costruire quattro centrali nucleari in Sicilia - ha concluso Castiglione - a condizione però che ne venga costruita almeno una ad Arcore."

Il compagno Stefano Gullo, della Direzione Nazionale, ha ricordato il lungo cammino della Sicilia dalle lotte contadine e per l'industrializzazione all'attuale stagione in cui l'agricoltura e tutta l'economia siciliana è in ginocchio. Passando alla vita del Partito, il compagno Gullo dopo essersi complimentato con i compagni di Catania ha aggiunto: "Sono molti i vecchi compagni socialdemocratici che in tutta la Sicilia occidentale sono pronti ad accogliere il richiamo del PSDI; è necessario però che il Partito si doti almeno degli strumenti organizzativi minimi indispensabili per raccoglierne la disponibilità." Il compagno Gullo ha anche riferito delle iniziative da lui intraprese per riaprire la storica Sezione "Giacomo Matteotti" di Palermo e per riprendere i contatti con i siciliani dell'emigrazione, in Venezuela, in Canada ed in Australia, nonché delle attività della Fondazione Francesco Crispi da lui costituita quando ricoprì la carica di Sindaco di Ribera in provincia di Agrigento, che può oggi diventare un ulteriore importante strumento delle iniziative culturali della nostra area.

I lavori sono stati conclusi dal Vice Segretario Nazionale Antonello Longo, che si è soffermato sulla grave emergenza civile che vive la Sicilia. Grandi comuni come Palermo e Catania sull'orlo della bancarotta, servizi vitali per il cittadino - dallo smaltimento dei rifiuti all'approvvigionamento idrico, dai trasporti alla sanità - che vengono negati rendendo invivibili le nostre città. Il nodo dei servizi va affrontato - ha detto Longo - smantellando i carrozzoni clientelari creati dalla cattiva politica e mettendo nuovamente i comuni nelle condizioni di affrontare la fornitura di servizi con i propri organici, consorziandosi liberamente fra di loro come previsto dallo Statuto siciliano oppure, quando è indispensabile esternalizzare, garantendo una effettiva e reale concorrenza tra le imprese che possono gestire il servizio pubblico.

Infine il compagno Longo ha ricordato gli impegni della struttura nazionale del PSDI in vista delle elezioni europee, informando sui prossimi appuntamenti nei quali si dovrà decidere la collocazione del Partito nella campagna elettorale per reagire alla svolta autoritaria che sta comprimendo sempre di più il pluralismo del dibattito e delle rappresentanze politiche, senza che i grandi contenitori di destra, sinistra e centro offrano segnali credibili di capacità riformatrice.

"Resta fermo l'imperativo, secondo i deliberati del Congresso Nazionale, di organizzare il Partito, che non deve rimanere in uno stato magmatico; e questo va fatto anzitutto - ha concluso il Vice Segretario Nazionale Antonello Longo - definendo meglio gli aspetti della struttura federale nel rapporto con i territori, censendo le sezioni realmente esistenti ed operanti in Italia e la presenza di amministratori, chiamando le sedi periferiche al funzionamento democratico attraverso l'indizione dei congressi provinciali e regionali che non devono tenersi sbrigativamente o peggio ancora solo pro-forma in vista delle assise nazionali ma devono essere un momento di mobilitazione e di crescita del Partito, creando le condizioni per un dibattito politico interno sereno ma serio e approfondito."

.

 
.
Il Comitato per la democrazia, alla luce della notizia diffusa secondo la quale sarebbe stato sancito un accordo tra PD e PdL per riformare la legge elettorale delle Europee, introducendo uno sbarramento al 4%, manifesta stupore e sconcerto.

Il fatto che a tre mesi dall’inizio della campagna elettorale, quando già le forze politiche hanno cominciato la raccolta delle firme per la presentazione delle liste, così come previsto dall’attuale normativa, prenda corpo la tentazione di por mano a rivedere sostanzialmente la legge elettorale, non può che suscitare forte preoccupazione e ferma protesta.

Piegare la legge elettorale all’interesse dei due partiti maggiori e soprattutto alla necessità del PD di porre un freno alla caduta di consenso registrata nel Paese, altro non è che attentare alle regole di una civile convivenza democratica nel rispetto delle idee e delle posizioni di tutti.

Uno sbarramento elettorale al 4%, che è il doppio rispetto a quello previsto per le liste apparentate alle elezioni politiche, non ha ragione di essere nel contesto europeo, dove le singole identità vanno a rappresentare storie e tradizioni politiche e non a formare un esecutivo, e non sono perciò passibili nemmeno delle assurde critiche rivolte durante la recente campagna elettorale, di “voto inutile” ai fini degli equilibri di governo.

Qualora la notizia del tentativo di un colpo di mano dell’ultima ora sulla legge elettorale fosse confermata il Comitato per la democrazia annuncia fin d’ora che penserà a produrre forme di protesta e azioni politiche clamorose.

Mauro Del Bue (Partito Socialista)
Franco Russo (Rifondazione Comunista)
Clemente Mastella (Udeur)
Carlo Leoni (Sinistra Democratica)
Paola Balducci (Verdi)
Mimmo Magistro (PSDI)
Stefano De Luca (PLI)
Pino Quartana (Partito d’Azione)
Nicola Cariglia (Comitato dei 101)
 
di Ufficio Stampa (del 26/06/2008 alle 16:45:38, in Eventi, linkato 942 volte)
 
di Ufficio Stampa (del 11/03/2008 alle 15:01:09, in Eventi, linkato 968 volte)

Cari Compagni, la Segreteria Nazionale, è convocata per le ore 12.00 di giovedì 20 marzo p.v. – in Bari - V.le Concilio Vaticano II, 91. Discuteremo della situazione politica e delle iniziative conseguenti. Verificheremo, altresì, la presenza nelle elezioni amministrative e lo stato del tesseramento e dell’autofinanziamento deliberato dalla Direzione Nazionale.

In attesa di incontrarVi , invio cordiali saluti.

f.to Mimmo Magistro

 
di Ufficio Stampa (del 01/02/2008 alle 14:23:22, in Eventi, linkato 1007 volte)

Alle ore 19.15 la delegazione del PSDI formata dai compagni, Mimmo Magistro e Giorgio Carta , sarà ricevuta a Palazzo Giustiniani, dal Presidente incaricato Marini come da programma del Senato della Repubblica in calce.

http://www.senato.it/notizie/index.htm

 
di Ufficio Stampa (del 21/11/2007 alle 20:07:45, in Eventi, linkato 1082 volte)
Il compagno On. Giorgio Carta sarà ospite, questa sera alle ore 20.00, su NESSUNO.TV al canale SKY 890.
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 31 persone collegate

< agosto 2017 >
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARCHIVIO STORICO (1)
Articoli Magistro (37)
Curiosità (2)
Eventi (28)
Lettere Aperte (88)
politica (29)
Ufficio Stampa (506)
Verso il XXVIII Congresso Nazionale del PSDI (8)
W il Blog (1)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017

Gli interventi più cliccati


Titolo
Archivio (12)
Rassegna Stampa (28)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Il disegno di Legge sul Federalismo, cosa ne pensi?

 Buono
 Passabile
 Indecente

Titolo
Collabora con NOI
Registrati subito al nostro blog e potrai scrivere articoli, pubblicare foto e demo mp3...
Clicca qui

Login (Area Riservata)
Ingresso dedicato a tutti gli Autori del blog...
Clicca qui

Contattaci
Invia pure un messaggio al seguente indirizzo e-mail
PSDI (Direzione Nazionale)




22/08/2017 @ 12:57:06
script eseguito in 297 ms