Immagine
 ufficiostampa.isd@gmail.com - segreteria.isocialdemocratici@gmail.com... di Ufficio Stampa
 
"
Un ideale ci deve esser caro soltanto perché è vero, e non perché è nostro.

BELINSKIJ
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati all'interno del sito, disposti in ordine cronologico.
 
 
Commentando i risultati elettorali, il Segretario Nazionale del PSDI, Mimmo Magistro, ha dichiarato: “Pur nella provvisorietà dei dati, è possibile già fare della valutazione sui risultati elettorali. Innanzitutto, credo che la bassa affluenza alle urne , sia la dimostrazione più chiara della sfiducia degli elettori nell’attuale sistema elettorale che impone ai cittadini un Parlamento di nominati e non di eletti, come democrazia avrebbe voluto. Nel lontano 1947 – durante i lavori della Costituente – Calamandrei e Saragat, posero il problema delle regole interne ai Partiti, quale garanzia di agibilità democratica ed il problema, dopo 61 anni, si pone ed è attualissimo. Il risultato che, però, non avremmo mai voluto vedere, è quello del Partito Socialista, giunto ad un punto di non ritorno, nonostante non avesse né a destra , né a sinistra una vera e propria concorrenza, avendo il PD più volte affermato di non voler aderire né al PSE né all’Internazionale Socialista. E’ evidente che bisogna pensare ad un nuovo soggetto politico che metta da parte la vecchia classe dirigente e punti su nuovi e giovani quadri, con programmi progressisti e coerenti con gli interessi della collettività”.
Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 14/04/2008 alle 16:11:26, in Articoli Magistro, linkato 590 volte)

Grazie Segretario ! il tuo ultimo articolo mi rincuora perchè il partito deve riprendere la propria visibilità e credibilità e per poterle ottenere bisognerà che tutti i compagni che ti hanno seguito nella nuova avventura espellano dalla propria mente frustazioni, indifferenza e malinconici ricordi, di coloro che hanno approfittato del lavoro e dei sacrifici di chi lo ama veramente. L'Italia e' la culla della civilta' e noi abbiamo sempre dimostrato di difenderla, non possiamo tollerare la disgregazione dei valori fondamentali delle conquiste sociali, che ci hanno annotati fra i promotori più convinti. Gli sproloqui velenosi, antistorici, incivili di alcuni individui non meritano alcuna valutazione, perchè chi lo farebbe sprofonderebbe al loro medesimo squallido livello. Chi ama il partito deve criticare, se non d'accordo, alcune iniziative degli organi superiori al suo interno e non affidare editti che squalificano e catapultano nei loro stessi miasmi il buon nome di chi ci ha creati ! Sono certo che tutti i compagni, anche quelli dispersi negli ultini avvenimenti, " veraci socialdemocratici attendono con ansia il prossimo Consiglio Nazionale per indicare e analizzare le reali possibilità di un rilancio su larga scala del PSDI.

Saremo con te Segretario per questa nuova avventura ! Non deluderci ! Abbiamo necessità di credere ! Non vogliamo finire nell'oblio ! L'Italia ha bisogno di forze riformatrici e noi vogliamo rappresentarne un pilastro.

Ciro Tinè 14..04.08

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 10/04/2008 alle 11:45:01, in politica, linkato 722 volte)

Riteniamo far cosa gradita a tutti i compagni pubblicando uno stralcio dell’intervento del compagno Giuseppe Saragat ai lavori della Costituente.

Ancora una volta la sua lungimiranza è impressionante.

Sembra una riflessione fatta ieri ed è la migliore testimonianza di come la nostra scelta di guardare all’interesse complessivo del partito e non a quello dei singoli – come accaduto anche in un recente passato –  sia stata di grande dignità politica. Solo la spocchia, la gelosia, la cecità politica di chi ora gufa contro il PSDI non la riconosce.

La migliore risposta, in attesa che qualcuno renda conto dei misfatti commessi dal 2004 al 2007 tesi a gabbare la buonafede e la generosa mobilitazione puramente ideale dei molti, sarà da un lato l'elezione di tanti nuovi amministratori nel territorio e dall’altro l'essere riusciti, senza miliardari che considerassero il partito come proprietà privata, ma solo grazie al sacrificio dei militanti attraverso il tesseramento, ad avere una sede nazionale a Roma, a riprova della volontà di tenere alta la bandiera del Socialismo Democratico.

Non rispondiamo alle ingiurie di chi, voltagabbana, strumentalizza un sito che non può che essere del PSDI e che dopo le elezioni tornerà al PSDI perché anche in questo caso la giustizia, come ripetutamente accaduto negli ultimi quindici mesi, ci darà ragione.

Ognuno è libero di fare le scelte che crede ma la libertà di scrivere a ruota libera non può essere meritevole di rispetto se chi scrive non ha il coraggio di firmarsi.

Noi non abbiamo mai aperto un dibattito sulle note circostanziate che continuano ad arrivare denunciando l'operato dei nostri vecchi, falsi amici, perché non desideriamo darlo in pasto all’opinione pubblica.

La lealtà nei confronti di chi ha comunque rappresentato per un certo periodo ed in una zona particolare il PSDI ci impone di non rispondere a censori dell’ultima ora.

Dobbiamo una risposta solo ai nostri iscritti, cosa che regolarmente facciamo anche con discrezione e buon senso come accaduto nel caso del compagno Di Biasi.

Vogliamo ricordare a noi stessi che in sei mesi abbiamo convocato due riunioni di Consiglio Nazionale, cinque di Direzione Nazionale e sette vertici di Segreteria Nazionale.

Anche oggi il politologo Prof. Giovanni Sartori, nell’editoriale del “ Corrire della Sera “, conferma la validità della nostra proposta politica per le attuali elezioni, aggiungendosi a quanto sostenuto  giorni fa su “ La Stampa " (clicca il link La Stampa per leggere l'articolo) dallo studioso e politologo Prof. Luca Ricolfi.

Come sempre sono i fatti che valgono in politica ed il coraggio di assumere posizioni fuori dal coro degli interessi di parte e non,certamente, le parole, i chiacchiericci e le maldicenze di bassa lega.

 

 Il Segretario Nazionale

Mimmo Magistro

SARAGAT ALLA COSTITUENTE DEL  6 MARZO 1947

“Ora, un oratore, se non mi sbaglio, l’On. Calamandrei, ha accennato alla possibilità di determinate garanzie costituzionali per il funzionamento democratico dei partiti. E ho udito un’obiezione, che è venuta dall’estrema sinistra, in cui si diceva che il popolo giudicherà se i partiti sono democratici o meno, dando il voto o non dandolo. Questa è un’illusione, perché se veramente questo criterio fosse valido, il problema non si porrebbe. La tragedia è che molte volte il popolo può essere ingannato. Tutta la storia è un esempio di questi inganni di cui il popolo è stato vittima. Il popolo molte volte ha votato per partiti che erano antidemocratici, totalitari, reazionari. Ora, può questa Costituzione studiare qualche cosa che dia al popolo la garanzia di essere tutelato da questi inganni? I partiti politici sono lo strumento più efficace della volontà popolare se essi sono democratici. Questo è il punto fondamentale della realtà politica moderna. Se ciò è, la democrazia è al riparo di ogni pericolo. Ma se i partiti sono tendenzialmente antidemocratici, allora tutto il problema della democrazia è posto in discussione, ed è difficile determinare un criterio di discriminazione fra partiti democratici e partiti che non lo sono, perché tutti i partiti, tutti indistintamente, tendono a trasformare lo Stato e la società , e mentre oggi, in un certo senso, tutti i partiti sono profondamente esclusivisti, ogni partito è la cellula di formazione di un nuovo tipo di società e di un nuovo Stato. Questa, più o meno, è la tendenza generale dei partiti politici di oggi. Ora, io penso, che se questo esclusivismo dei partiti, lo chiamerò così, è spinto fino al punto di fare, delle eliminazioni violente degli altri partiti, l’obiettivo tacito ed espresso, allora l’esclusivismo cessa ed al suo posto subentra spesso una cosa più grave, che è il totalitarismo. Questo è il criterio di discriminazione tra partiti democratici e partiti che non lo sono. La garanzia contro questo pericolo è rappresentata oggi, nella democrazia moderna, dalla pluralità dei partiti. Dove ci sono molti partiti c’è una specie di neutralizzazione di forze antagonistiche e di queste tendenze esclusivistiche; ma più che la pluralità dei partiti, a mio avviso, è nella funzionalità democratica, nella vita democratica dei partiti stessi”.

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 10/04/2008 alle 11:44:52, in Ufficio Stampa, linkato 680 volte)

FRANCO PAPA NOMINATO COMMISSARIO

La Direzione Nazionale del PSDI ha nominato Commissario Regionale per il Lazio il compagno Franco Papa, nota figura della socialdemocrazia del Lazio, al fine di un rilancio dell'iniziativa socialdemocratica nel territorio. Il compagno Franco Papa, autorevole Dirigente generale dell'INAIL, nel corso della prima riunione tenutasi presso la Direzione Nazionale ha prefissato quale obiettivo prioritario il raggiungimento di una presenza organizzata articolata in tutte le province del Lazio chiedendo, a tal fine, la piena collaborazione di tutti i dirigenti locali storici e di quelli nuovi che dovranno essere coinvolti in questo disegno. Nel corso della riunione è sta ribadita la validità della scelta politica fatta dalla Direzione Nazionale in relazione alla scadenza elettorale politica del 13-14 aprile prossimi, anche alla luce delle prese di posizione di autorevoli politologi e saggisti sui più importanti quotidiani nazionali.

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 10/04/2008 alle 11:43:49, in Ufficio Stampa, linkato 614 volte)

Il Segretario Nazionale del PSDI, Mimmo Magistro, è intervenuto a Catania ad una manifestazione socialdemocratica, incontrando i candidati espressi dal PSDI nella lista di alleanza laico-socialista- autonomista dei Democratici Autonomisti per le elezioni regionali siciliane.

Incontri con gli iscritti ed i simpatizzanti si sono poi svolti – in vista delle elezioni amministrative di giugno - ad Adrano e San Giovanni La Punta.

Il Segretario socialdemocratico ha illustrato la posizione fortemente critica del PSDI nei confronti della accelerazione data dalle forze politiche numericamente maggiori verso il passaggio da un bipolarismo senza riforme ad un bipartitismo senza etica e senza cultura. “La presenza nel sud ed in Sicilia – ha detto Magistro – di forze autonomiste che rompono lo schema della tradizionale subordinazione della politica locale agli interessi di partiti fortemente centralizzati e distanti dalle realtà territoriali del Paese offre al PSDI un importante spazio di condivisione e di partecipazione”.

Ufficio Stampa PSDI

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 10/04/2008 alle 11:28:01, in Articoli Magistro, linkato 1823 volte)

Il Segretario Nazionale del PSDI, Mimmo Magistro ha dichiarato:

"Per dare voce alla volontà popolare che avrebbe voluto scegliere i propri rappresentanti e per protesta contro l’oligarchia che toglie voce, presenze e sensibilità anche a chi ha garantito sessant’anni di libertà e democrazia, il PSDI si asterrà da iniziative formali per l’elezioni politiche ad eccezione dei territori in cui è impegnato, con propri candidati, nelle elezioni amministrative.

La posizione assunta dal PSDI, però, non deve essere considerata una sorta di “aventino”, ma una forte sia pure simbolica decisione per protestare democraticamente contro la violenza dei forti spalleggiata dai gruppi dominanti per consentire una pluralità di voci in Parlamento come baluardo di una agibilità di libertà e che affronti i gravi problemi del Paese ( debito pubblico, criminalità organizzata, disarticolazione dei poteri dello Stato e ruolo della magistratura, precarietà del lavoro).

La nostra protesta è indirizzata soprattutto nei confronti del PD che ha lacerato il Centro sinistra con atteggiamenti arroganti e fuori da ogni forma di democrazia. Privilegiare Di Pietro e Pannella a scapito delle forze socialiste è stato un errore storico, politico e umano che, certamente, gli elettori italiani, con il voto democratico sapranno condannare.

Ovviamente il PSDI, partito che mai ha negato democrazia e libertà al proprio interno, lascia liberi i compagni anche di esprimere un voto personale secondo coscienza verso partiti che con il nostro voto potrebbero superare gli sbarramenti alla Camera e al Senato, segnalando che l’obiettivo prioritario deve essere il contrastare il disegno di Veltroni e Berlusconi di creare un bipartitismo a Camera e Senato.

Tutto ciò, naturalmente, è lasciato alla libera scelta dei compagni, non deve essere frutto di alcuna contrattazione e certamente non cancella l’amarezza per il venir meno degli impegni pure assunti da taluni partiti".

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 10/04/2008 alle 10:49:37, in Ufficio Stampa, linkato 608 volte)

ORDINE DEL GIORNO

Il Consiglio Comunale di Loria, convocato il giorno 11 aprile 2008, su sollecitazione del consigliere Ciro Tinè è chiamato ad esprimere il proprio pensiero sui due gravissimi avvenimenti in estremo oriente e in sudamerica: la sanguinosa repressione in Tibet e la negazione della libertà a Ingrid Betancourt . L’iniziativa per riuscire a coinvolgere tutte le amministrazioni comunali ( ANCI) e le comunità gemellate per dare maggiore voce al ripristino e consolidamento della pace e dei diritti civili in tutti i paesi dove sono attualmente negati. Non è più tollerabile il silenzio delle comunità democratiche, fatta eccezione per alcuni paesi che hanno messo a disposizione la propria collaborazione, dinanzi agli avvenimenti gravissimi di privazione della libertà personale ed in particolare la messa in schiavitù per 82 mesi di un personaggio che si è sempre battuto per l’affermazione della libertà e della democrazia. Il problema investe tutte le comunità dalle più o meno popolose, che all’unisono possono incidere positivamente alla sua immediata soluzione e ottenere immantinente la liberazione dell’ostaggio, da parte delle FARC, che versa in gravi condizioni di salute. L’amministrazione Comunale di Loria facendo sua l’iniziativa umanitaria del consigliere Tinè

CHIEDE

A tutti gli organi informativi istituzionali, nazionali, regionali, provinciali e comunali di elaborare TEMPESTIVAMENTE un documento UNITARIO da inviare a tutti i paesi che attualmente sopprimono i diritti civili dei cittadini, sollecitandone l’applicazione e la liberazione di tutti coloro che lottano per la libertà di pensiero e per la DEMOCRAZIA.

DELIBERA

DI APPROVARE ALL’UNANIMITA’ IL PRESENTE DOCUMENTO e di dare mandato al Sindaco, vice presidente dell’ANCI, di promuoverlo e divulgarne la sua approvazione nella prossima assemblea dei comuni a difesa incondizionata dei diritti civili.

Loria 11.04.08

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 09/04/2008 alle 13:23:03, in Ufficio Stampa, linkato 574 volte)

Sig.Sindaco Comune di Rieti

Sig.Presidente Consiglio Comunale

Il Sottoscritto Dott.Paolo Bigliocchi,capogruppo del PSDI,invia copia di un ODG da inserire nel prossimo Consiglio Comunale.

ORDINE DEL GIORNO

Il Consiglio Comunale di Rieti osserva con assoluta preoccupazione la dura repressione cui è sottoposta la popolazione del Tibet nel rivendicare la propria libertà ed autonomia. Ritiene importante che tutti i paesi democratici diano testimonianza del disaccordo sui metodi usati dal governo cinese che ,ancora una volta,dimostra al mondo di non essere pronto per rispettare diritti civili ed umanitari. Crede che anche il nostro Paese debba assumere posizioni certe in vista del prossimo appuntamento olimpico . Propone Al Sindaco di Rieti di concedere la cittadinanza onoraria della nostra città al Dalai Lama a testimonianza della partecipazione della nostra comunità alle battaglie di libertà e di dignità dei popoli.

Dott.Paolo Bigliocchi

Capogruppo PSDI al Comune di Rieti

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 08/04/2008 alle 17:47:48, in Articoli Magistro, linkato 576 volte)

Da mesi nella città non si parlava d’altro. Dov’è il Sindaco? Si è dimesso ancora, si è trasferito, si sta preparando per la prossima maratona? Beninteso non si parla dell’uomo, ma del Sindaco. Possibile che non vede il degrado della città, dei servizi pubblici, delle strade, del traffico, non si preoccupa delle disfunzioni amministrative e via dicendo? Per la verità, a qualcuno era parso di vederlo sul palco, durante l’ultimo comizio del PDL, pare non in compagnia dell’ex DG. Ed allora, quando non te l’aspetti, al momento giusto, ovvero a qualche giorno dalle elezioni politiche, ri-eccolo comparire, in mondo visione, si fa per dire, sui due canali televisivi barlettani, ormai noti per le mille repliche trasmesse delle inaugurazioni effettuate dal collega Sindaco di Bisceglie. Tra le tante difficoltà, dovute all’audio molto disturbato, abbiamo ascoltato religiosamente il solito verbo, coniugato al futuro. Oggetto: conferenza stampa del Sindaco di Trani. Nella prima parte “Contratto di Quartiere 2”. Sono passati ormai 4 anni da quando, in Consiglio Comunale, l’abbiamo approvato quasi all’unanimità, pur con tanti dubbi e perplessità sul procedimento dell’appalto, effettuato celermente, e non consentendo la partecipazione delle cooperative, con il risultato che hanno partecipato solo 4 imprese, chiaramente tutte vincitrici. Era il 2004 e da allora puntualmente abbiamo assistito a tante conferenze stampa ma, dell’inizio dei lavori, ancora nulla. I cittadini aspettano con ansia, anche se solo pochi, forse i più fortunati, i più raccomandati, una parte, forse di una parte, potrà accedere all’acquisto. Le imprese sono private e decidono autonomamente, dicono. È evidente che di fronte a tante aspettative non vi era momento migliore che ri-annunciarlo a pochi giorni dal voto, con il solo sistema da televendita, affiancato da fidati cortigiani. Nella seconda parte, seguendo diligentemente gli appunti annotati su più fogli, ha elencato tutte le opere, le inaugurazioni, le risoluzioni dei problemi che si accinge a fare, non appena sarà approvato il prossimo Bilancio di previsione (entro il 31 maggio), fortunatamente prorogato già due volte. Siamo alle solite. La politica degli annunci, delle promesse e delle inaugurazioni, da rinnovare ogni anno, alla prima pietra, alla seconda, con le riprese trasmesse in replica per mesi. Ed allora riecco spuntare il Pug, il Teatro, il sottopassaggio della stazione, i parcheggi, i loculi al cimitero e finanche il sovra passaggio pedonale di Via Andria, forse, (sono anni che ne sentiamo parlare), e poi ancora la soluzione alle buche. Infatti sono passati sei mesi, credo, dall’annuncio con un’altra conferenza stampa della soluzione del problema buche stradali, ma, le buche, pardon le voragini, sono sempre lì, sempre di più e sempre più grosse. Sui debiti? Il solito. Gli hanno fatti gli altri e fino a poco tempo fa nessuno li aveva riferito della loro esistenza. Evidentemente durante i consigli comunali degli anni passati era sempre distratto, quando si parlava di debiti. Sull’addizionale IRPEF, sembra che resterà per i prossimi anni come garanzia. Poi però non diteci che la colpa per le tasse è del Commissario. Ed ancora, se non abbiamo compreso male, si prevede la vendita di altri immobili. Nulla su quanto fatto, anzi non fatto, nel primo anno della sua seconda legislatura. Come se fosse appena sceso dalla luna. Ci auguriamo, almeno, che le spese per la trasmissione delle, chi sa quante, repliche non siano a carico delle modeste casse comunali. Che dite, si potrebbe utilizzare il regolamento sulle sponsorizzazioni?

Mimmo De Laurentis - Consigliere Comunale di Trani

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 01/04/2008 alle 10:25:03, in Ufficio Stampa, linkato 586 volte)

Ai componenti la Direzione Nazionale

 e, p.c

Ai componenti il Collegio dei Revisori dei Conti

Ai componenti il Collegio dei Probiviri

Ai Segretari Regionali

LORO SEDI

Roma, lì 31 marzo 2008

Cari compagni, pur comprendendo i Vostri disagi, ritengo urgente indire - per martedì 8 aprile p.v. , alle ore 12.00, in Roma, presso la Sede del Partito , sita alla Piazza del Popolo, 18 – una riunione della Direzione Nazionale, per discutere sul seguente O.d.G.:

1) Situazione politica. Determinazioni;

2) verifica del tesseramento e determinazioni conseguenti;

3) varie ed eventuali.

Nella certezza che comprenderete l’importanza dell’incontro, invito quanti non lo avessero ancora fatto a rinnovare entro oggi il tesseramento 2008. Cordialità.

f.to Mimmo Magistro

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 90 persone collegate

< dicembre 2018 >
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARCHIVIO STORICO (1)
Articoli Magistro (38)
Curiosità (2)
Eventi (28)
Lettere Aperte (88)
politica (29)
Ufficio Stampa (506)
Verso il XXVIII Congresso Nazionale del PSDI (8)
W il Blog (1)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Gli interventi più cliccati


Titolo
Archivio (12)
Rassegna Stampa (28)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Il disegno di Legge sul Federalismo, cosa ne pensi?

 Buono
 Passabile
 Indecente

Titolo
Collabora con NOI
Registrati subito al nostro blog e potrai scrivere articoli, pubblicare foto e demo mp3...
Clicca qui

Login (Area Riservata)
Ingresso dedicato a tutti gli Autori del blog...
Clicca qui

Contattaci
Invia pure un messaggio al seguente indirizzo e-mail
PSDI (Direzione Nazionale)




19/12/2018 @ 09:13:36
script eseguito in 47 ms