Immagine
 ufficiostampa.isd@gmail.com - segreteria.isocialdemocratici@gmail.com... di Ufficio Stampa
 
"
Un ideale ci deve esser caro soltanto perché è vero, e non perché è nostro.

BELINSKIJ
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati all'interno del sito, disposti in ordine cronologico.
 
 
di Ufficio Stampa (del 29/01/2010 alle 15:09:01, in Ufficio Stampa, linkato 690 volte)
Clicca qui per leggere l'articolo apparso su "BariSera"
Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 26/01/2010 alle 10:02:47, in Ufficio Stampa, linkato 750 volte)

Il direttivo regionale del PSDI dell’Emilia Romagna è convocato per il giorno domenica 31 gennaio 2010 ad ore 11:00 presso la sede della Società Dante Alighieri in via De’ Pignattari n. 1 a Bologna, per discutere il seguente ordine del giorno:

- elezioni regionali e determinazioni conseguenti.

Un cordiale saluto.

Il Segretario Angelo Scavone

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Il Segretario Nazionale del PSDI, Mimmo Magistro, ha dichiarato:

“ Anche a nome dei socialdemocratici italiani esprimo sincero compiacimento per la lettera inviata dal Capo dello Stato alla signora Craxi nel decennale della morte del marito. Una lettera che interpreta i sentimenti degli italiani e che deve consentire alla famiglia Craxi ed al Paese di poter dare sepoltura in Italia a Craxi come merita la sua storia politica di statista autenticamente democratico che seppe avviare verso la modernità l’Italia. Noi socialdemocratici ci sentiamo fieri ed orgogliosi di avere un Presidente della Repubblica che ha saputo cogliere ed interpretare questi sentimenti e crediamo sia giunto il momento, lasciando da parte le vicende giudiziarie, di ridare dignità all’uomo Craxi ed alle sue idee. La storia di quegli anni è ancora tutta da scrivere e bene ha fatto il Capo dello Stato a ricordare Craxi uomo di Governo e leader politico capace di dare una dignità internazionale al nostro Paese”

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 13/01/2010 alle 11:51:41, in Ufficio Stampa, linkato 730 volte)
Clicca qui per leggere l'articolo su Giuseppe Saragat apparso su "la Gazzetta del Mezzogiorno"
Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 13/01/2010 alle 11:32:48, in Ufficio Stampa, linkato 916 volte)

I socialdemocratici Italiani si sono raccolti lunedì 11 gennaio a Roma – Palazzo Barberini- dinanzi alla lapide che ricorda la scissione di Giuseppe Saragat del 1947, scissione che pose le basi per un’alleanza delle forze democratiche ed occidentali contro il frontismo filosovietico di Togliatti e Nenni.

Il Segretario Nazionale, Mimmo Magistro, ha ricordato la lungimiranza di Saragat .

Ad emozionare gli intervenuti, tra i quali l’on. Paolo Russo, già Segretario Nazionale della Gioventù Socialdemocratica, ci ha pensato il compagno Giorgio Giannelli, stretto collaboratore di Matteo Matteotti, che nel ’47 era a Palazzo Barberini ed ha offerto la sua personale testimonianza.

Un pensiero reverente è stato rivolto a Luigi Preti e Giuliano Vassalli  protagonisti della scissione, recentemente scomparsi ed al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha fatto pervenire a Magistro il suo saluto ed il ricordo di Saragat, con la lettera pubblicata in calce.



Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 

In occasione del 63°anniversario della scissione di Palazzo Barberini, Mimmo Magistro,Segretario Nazionale del PSDI, ha scritto una nota sull'avvenimento.

I socialdemocratici ricorderanno a Roma, lunedì 11 gennaio, il 63° anniversario della scissione di Palazzo Barberini, ma si sentiranno più soli perché nei mesi scorsi sono mancati anche Giuliano Vassalli e Luigi Preti, due dei partecipanti alla manifestazione che cambiò le sorti della storia d’Italia.

Di solito quando si parla di scissioni si pensa a lacerazioni e divisioni. Al contrario, storicamente, Palazzo Barberini rappresenta una delle tappe fondamentali per la costituzione dell’Italia, dopo la seconda guerra mondiale. Lo stesso Nenni, che in quella fase, insieme a Togliatti, si contrappose a Saragat con il Fronte Popolare, a distanza di tempo, riconobbe che l’alleanza di Saragat con De Gasperi, evitò all’Italia di finire sotto l’influenza sovietica al pari di Jugoslavia, Albania, Romania e Bulgaria.

Ma, uguale lungimiranza Saragat la ebbe su alcune parti della Costituzione, sulle quali è aperto un grande dibattito, soprattutto sulla revisione dell’art.49 della Costituzione (“tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”), articolo che Saragat – e con lui Calamandrei – tentarono di modificare immaginando, con un intuito incredibile, quello che dopo oltre sessant’anni sarebbe accaduto.

Illuminante il suo intervento nella seduta pomeridiana del 6 marzo 1947 nell’Assemblea Costituente” in cui tra l’altro affermò: “ Ora può questa Costituzione studiare qualche cosa che dia al popolo la garanzia di essere tutelato da questi inganni? I partiti politici sono lo strumento più efficace della volontà popolare se essi sono democratici. Questo è il punto fondamentale della realtà politica moderna. Se cioè la democrazia è al riparo di ogni pericolo. Se i partiti sono tendenzialmente antidemocratici, allora tutto il problema della democrazia è posto in discussione, ed è difficile determinare un criterio di discriminazione fra partiti democratici e partiti che non lo sono, perché tutti i partiti, tutti indistintamente, tendono a trasformare lo Stato e la società…La garanzia contro questo pericolo è rappresentata oggi, nella democrazia moderna, della pluralità dei partiti”.

La lungimiranza di Saragat, la straordinaria ed intensa attualità del suo pensiero, costituiscono oggi una grande opportunità, per il pragmatismo dei contenuti e perché esso fornisce risposte, vere, alle richieste della politica.

C’è chi sostiene che guardando indietro solo al passato si rischia di non vedere il futuro. Per Saragat il passato è il futuro, perché solo oggi gli storici iniziano a comprendere la lungimiranza delle sue scelte. I politici hanno sempre temuto la doverosa autocritica perché “socialdemocrazia” significa anticipare i tempi e guardare alle esigenze della collettività, del nuovo che avanza e che non deve spaventare.

Ancora oggi, noi sentiamo l’esigenza, richiamando l’insegnamento di Saragat, di sostenere le proposte e gli spunti di un dibattito parlamentare, che auspichiamo sia capace di varare leggi e regolamenti, ad esempio, che garantiscano che i consiglieri eletti restino con i partiti ( o coalizioni per i quali hanno ottenuto il consenso popolare), mantengano gli impegni assunti nelle campagne elettorali, si adoperino per il contenimento della spesa pubblica, per la trasparenza e perché i partiti non siano proprietà privata di alcuni.

La vicenda delle elezioni politiche che hanno consentito l’accesso al Parlamento di personaggi indicati dalle segreterie e non eletti dal popolo, la contrazione delle diversità e delle sensibilità con la cancellazione di alcuni partiti, che hanno inevitabilmente inaridito il Parlamento, contribuiscono a rendere attuali le parole di Saragat.

Perché una politica senza moralità è una politica senz’anima, cinica, falsa, opportunista e lontana dalla vita della gente, soprattutto quando alle parole non seguono i fatti, come in un set cinematografico dove è visibile solo ciò che piace al regista.

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 

.
Riprende la mobilitazione per il successo del Partito

APERTA LA CAMPAGNA DI TESSERAMENTO 2010

Il compagno Longo commemora Palazzo Barberini


La Sezione "Giuseppe Saragat" di Catania ha tenuto venerdì 8 gennaio la sua prima riunione dell'anno, che è stata principalmente dedicata all'apertura della campagna di tesseramento al PSDI per il 2010.

Sono intervenuti per l'occasione il Segretario Provinciale, compagno Giorgio Natale Mazza, ed il Vice Segretario compagno Onofrio Cannavò.

Cadendo l'incontro in prossimità del 63° anniversario della rifondazione del Partito a Palazzo Barberini ed alla vigilia delle celebrazioni che si svolgeranno a Roma l'11 gennaio prossimo, il compagno Antonello Longo, Vice Segretario Nazionale del PSDI, ha ricordato gli avvenimenti che segnarono la storia del 1947, mettendo in evidenza le ragioni ideali e politiche che spinsero Giuseppe Saragat, con gli autonomisti di "Critica Sociale" ed "Iniziativa Socialista", a provocare la rottura con le correnti "fusioniste" e filosovietiche ed a far rinascere il Partito di Turati, di Matteotti e di Treves.

Il discorso del compagno Longo è pubblicato nel gruppo Facebook "PER IL RILANCIO DEL SOCIALISMO DEMOCRATICO IN ITALIA" al quale chi è registrato su FB può accedere dal sito:

http://www.socialismodemocratico.it

Chi non dovesse aver accesso a Facebook può leggere e stampare il discorso del compagno Longo in formato .pdf (è richiesto Adobe Reader) facendo click qui:

http://www.socialdemocratici.it/barberini.pdf

.

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 05/01/2010 alle 18:29:31, in Ufficio Stampa, linkato 743 volte)

Lunedì 11 gennaio 2010 - alle ore 17.30 – presso il Circolo Ufficiali di Presidio Interforze – Roma (palazzina alle spalle di Palazzo Barberini), l’On. Paolo Russo, Presidente della Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati e già Segretario Nazionale della Gioventù socialdemocratica, presenterà il libro “Giuseppe Saragat da Palazzo Barberini alla casa dei moderati”. Moderatore sarà il Direttore de “Il Tempo”, Roberto Arditti. Ne parleranno l’ On.Fabrizio Cicchitto e l’On. Gaetano Quagliarello.

Alla presentazione è stato invitato anche il Segretario Nazionale, Mimmo Magistro.

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Roma, lì 05.01.2010

- Ai componenti la Direzione Nazionale - Ai componenti il Comitato Etico - Ai componenti il Collegio Nazionale dei Probiviri - Ai componenti il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti - Ai Segretari Regionali

LORO SEDI

Cari compagni, Vi informo che, per motivi logistici, la riunione di Direzione Nazionale, fissata in seconda convocazione - per le ore 12.30 - di lunedì 11.01.2010 - si terrà presso il Centro Congressi Conte di Cavour- Via Cavour 50/A – Roma.

Vi confermo, inoltre, che alle ore 15.00 i lavori saranno sospesi per partecipare - a Palazzo Barberini – Via delle Quattro Fontane, 13 – Roma - alla cerimonia per l’anniversario della “scissione del 1947” da parte del nostro fondatore Giuseppe Saragat , che diede vita alla socialdemocrazia italiana.

Vi sollecito, altresì, la regolarizzazione del Vostro tesseramento 2010, fissato per i dirigenti come termine ultimo al 10/01/2010, con le modalità riportate di seguito:

TESSERAMENTO 2010

1- Segretario Nazionale € 1.000,00

2- Presidente Nazionale € 750,00

3- Segreteria e responsabili Dipartimenti € 200,00

4- Componenti la Direzione, componenti il Comitato Etico, componenti il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti, componenti il Collegio Nazionale dei Probiviri, Consiglieri Comunali, Segretari Regionali e Provinciali € 100,00

5- Componenti il Consiglio Nazionale € 50,00

6- Iscrizione ordinaria € 10,00.

Le quote dovranno essere inviate unicamente tramite conto corrente bancario intestato a PSDI - Partito Socialista Democratico Italiano, in essere presso la Banca di Credito Cooperativo di Bari IBAN: IT61 J 07012 04000 000000013671.

Vi rammento che i compagni che non avranno adempiuto al rinnovo entro tale data, saranno sospesi dai propri incarichi nazionali.

Vi ringrazio per l’attenzione e in attesa di incontrarVi, Vi invio cordiali saluti.

IL SEGRETARIO NAZIONALE

Mimmo Magistro

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Ufficio Stampa (del 02/01/2010 alle 19:02:39, in Ufficio Stampa, linkato 741 volte)

Bari, 1 gennaio 2010 - “Il Governatore uscente della Regione Puglia, Vendola, cerca di far passare l’idea che la sua e’ stata la migliore amministrazione nella storia dell’Ente. Tutti sanno, invece, che in Puglia mai il livello di discrezionalita’ dell’azione amministrativa ha toccato livelli cosi’ alti”. Lo ha dichiarato il Segretario Nazionale PSDI, Mimmo Magistro.

“Non c’e’ traccia di scelte che non siano collegate all’individuazione preventiva delle lobby di cui abbonda la sinistra, mimetizzate tra associazioni culturali e sociali. Sin dalle primarie del 2005, come ha ricordato Francesco Boccia, Vendola ha giocato sulle divisioni. Ha strappato la candidatura per pochi voti solo perche’ in alcuni comuni del foggiano gli elettori della vecchia Margherita non trovarono serio che gli unici seggi elettorali fossero individuati nelle sezioni di Rifondazione Comunista e si rifiutarono di recarsi ai seggi.

“Ha ragione Vendola - spiega Magistro - quando afferma che si e’ sottratto alla logica dei partiti che pure, come il PSDI, lo avevano lealmente sostenuto, quasi che i 12.000 cittadini del PSDI che lo avevano votato avessero meno diritti di vedersi rappresentati rispetto a quelli della sua ‘corte’.

“Vendola passera’ alla storia per aver ’sfasciato’ il centrosinistra: anziche’ le intese politiche ha cercato l’accordo sottobanco con i singoli consiglieri sulla base degli interessi personali, del piccolo favore, non di quelli politici e della collettivita’”, ha concluso Magistro.

fonte AGI Agenzia Italia

Articolo Dettaglio   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 84 persone collegate

< febbraio 2017 >
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
         
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARCHIVIO STORICO (1)
Articoli Magistro (37)
Curiosità (2)
Eventi (28)
Lettere Aperte (88)
politica (29)
Ufficio Stampa (506)
Verso il XXVIII Congresso Nazionale del PSDI (8)
W il Blog (1)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Titolo
Archivio (12)
Rassegna Stampa (28)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Il disegno di Legge sul Federalismo, cosa ne pensi?

 Buono
 Passabile
 Indecente

Titolo
Collabora con NOI
Registrati subito al nostro blog e potrai scrivere articoli, pubblicare foto e demo mp3...
Clicca qui

Login (Area Riservata)
Ingresso dedicato a tutti gli Autori del blog...
Clicca qui

Contattaci
Invia pure un messaggio al seguente indirizzo e-mail
PSDI (Direzione Nazionale)




24/02/2017 @ 20:33:55
script eseguito in 266 ms