\\ Home Page : Articolo : Stampa
Amatori: una coppa in mostra per l’orgoglio, la storia e la baresitŕ
di Ufficio Stampa (del 17/10/2014 alle 12:03:32, in Ufficio Stampa, linkato 593 volte)
Una coppa non è soltanto un pezzo di metallo ed una base. Una coppa significa tanto: sudore, tenacia, allenamento costante. Significa spirito di gruppo, sacrificio. E tanti ricordi. Sono passati trent’anni da quando, in Germania, le ragazze baresi riuscirono a conquistare la Coppa Cev (attuale Challenge Cup della federazione europea di pallavolo femminile) battendo il Modena.

Portare l’orgoglio della propria baresità in giro per l’Italia potendo sfoggiare il primo trofeo continentale conquistato da una squadra di pallavolo femminile italiana non è cosa da poco. Lo ha ribadito il sindaco di Bari Antonio Decaro quando, ieri pomeriggio, ha formalmente riconsegnato la Coppa Cev che l’Amatori Volley Bari ha conquistato (targata Victor Village) 30 anni fa nelle mani di alcune delle giocatrici che di quella squadra fecero parte, guidate da un emozionato presidente del sodalizio sportivo Mimmo Magistro.

La coppa da martedì 21 ottobre sarà tra i ricordi più prestigiosi della mostra itinerante che iniziando da Milano festeggerà il volley femminile italiano. L’Amatori è stata la prima squadra nella storia della pallavolo femminile italiana a vincere una Coppa Europea (seguita dopo 2 anni dalla Teodora Ravenna in Coppa Campioni) e resta l’unico club della città di Bari in assoluto a vincere una coppa europea con uno sport di squadra.

Dopo la riconsegna del Trofeo abbiamo scambiato qualche battuta con Magistro, ripercorrendo le emozioni di quella vittoria.

Cos’ha provato quando l’Amatori Volley Bari è arrivata, prima squadra italiana di pallavolo femminile, a vincere in Europa?

“Una grande soddisfazione. Mi sono sentito un Vero Barese! Un Barese privilegiato! Mi sono sentito davvero appagato per il raggiungimento di un obiettivo, dato che anch’io sono nato giocando a palla a volo nell’oratorio dei Salesiani di Bari”.

Magistro, quale futuro vede per la pallavolo in Puglia e a Bari?

“Sicuramente migliore di quello attuale. Ma c’è bisogno di un forte rinnovamento del gruppo dirigente che non può restare invariato dopo 35 anni”.

PUGLIA IN - 17 ottobre 2014