\\ Home Page : Articolo : Stampa
Comune di Bari e la "double face" di Cassano
di Ufficio Stampa (del 03/04/2014 alle 09:44:39, in Ufficio Stampa, linkato 742 volte)
Il Segretario Regionale del Nuovo Psi Michele Simone e il provinciale dei Socialdemocratici, Giuseppe Balice, hanno dichiarato sulla situazione al Comune di Bari:

“Il sen. Cassano, in edizione "double face"- continua a stupirci. Chiede ed assume l'impegno ad evitare sterili polemiche e a riservare al tavolo politico il confronto politico, ma poi ricasca nel vizietto di voler raccontare favole a modo suo, con modalità fuori dalla realtà.
La proposta del candidato Sindaco, ing. Di Paola- su cui c'è stata la convergenza di tutte le forze politiche esclusa la sua- era di una trasparenza cristallina come la scelta di individuare il vice sindaco collegata all'esperienza ed alla riconosciuta capacità di Filippo Melchiorre, persona e non partito, e la decisione di scegliere i 5 candidati ai vertici dei Municipi previo verifica collegiale di capacità tra quanti ponessero la candidatura.
Evidentemente, , il sen. Cassano  ha deciso - e da tempo- di fare un gioco solitario, poco comprensibile al popolo degli elettori del centro destra a cui si richiama quando deve battere in ritirata. Eppure, dovrebbe essere la stessa persona che abbiamo sentito chiedere al tavolo delle trattative, per il suo Partito, come in macelleria, il Presidente del Consiglio e due candidati presidenti di Municipio (tra cui lo strategico Bari 1) in cambio del via libera alla proposta dell'ing. Di Paola per Melchiorre vice.
Ma il suo capolavoro - si fa per dire- è stato quello di convocare non ad horas, come l'urgenza avrebbe richiesto, il suo comitato cittadino ma per 7 giorni dopo, al pari del Concilio quando i cardinali devono arrivare da tutti i paesi del mondo.
Ma veramente non si rende conto  dei problemi che ha creato e che crea questo ritardo all'attività dell'intera coalizione ed ai suoi stessi candidati, destinati a non essere compresi dai loro elettori ?
Insomma, se il sen. Cassano vuole sfidare la nostra pazienza, non ci provi. Noi crediamo che il posto dell'Ncd, e di tutto il gruppo dirigente(eletto anche grazie al “sangue” dei piccoli partiti, sia con noi nell'alleanza che sfida il duo Emiliano-De Caro e i 10 anni del loro malgoverno, perché sono le stesse persone che hanno denunciato i soprusi del duo.
Accetti con lealtà, un pizzico di umiltà e nel rispetto di tutti i partiti, di partecipare alla battaglia elettorale per far vincere Mimmo Di Paola, come annunciato con solennità dai suoi giganteschi e costosissimi manifesti che forse intendevano intimorirci.
Le medaglie, se sono il vero motivo delle sue doglianze,  poi ci saranno per tutti i veri combattenti, ma non perda tempo. Allo stesso modo, ed in umiltà, gli consigliamo di smetterla di  prendersela con le ombre vicine e lontane, a Bari, Lecce, Roma e Caraibi.
Si impegni a fare subito una seria riflessione sui guasti di De Caro ed Emiliano, anche per  richiamarli a quell'etica che lui tanto declama  ma che noi e tutti gli elettori del centrodestra reclamiamo a gran voce da lui.”