\\ Home Page : Articolo : Stampa
Ricordando Michele Di Giesi... pubblico un vecchio articolo della Gazzetta del Mezzogiorno...
di Ufficio Stampa (del 22/11/2013 alle 13:03:55, in Ufficio Stampa, linkato 531 volte)
Lunedì abbiamo ricordato Michele Di Giesi nel 30° anniversario della sua morte. Un grande Ministro, un vero riformista che voleva bene alla città di Bari di cui era stato anche vice sindaco e che con lungimiranza aveva immaginato una città metropolitana e la soluzione del nodo ferroviario.
Voglio ricordarlo anche per la sua generosità nei miei confronti, circostanza che diede vita ad una nota pubblicata da La Gazzetta del Mezzogiorno nell'aprile del 1983. Non l'avevo mai voluto pubblicare perchè poteva sembrava disdicevole e ve ne chiedo scusa...lo faccio oggi, dopo 30 anni, perchè allora come oggi penso come Di Giesi che la politica sia un servizio alla collettività. Fare il Segretario del Partito era politicamente più importante e gratificante che fare l'assessore. Valori che oggi si sono persi...
Sono orgoglioso di quello che un giorno Peppino Giacovazzo, direttore del nostro quotidiano, disse pubblicamente: "Mimmo, non c'è mai stato da vivo un politico a cui l'intera redazione abbia mai voluto dedicare una nota così bella. Moro l'ha avuta da morto". Ma Di Giesi morì dopo 6 mesi e morì la sua idea di creare una forza socialista ed autenticamente democratica in Italia. E Bari perse un grande amante del suo mare e del profumo dei suoi quartieri e che sognava - in questo uguale a Pinuccio Tatarella - di chiudere la sua carriere politica facendo il Sindaco...

Mimmo Magistro