\\ Home Page : Articolo : Stampa
COSTITUENTE SOCIALDEMOCRATICA - Una Costituente per l'Italia
di Ufficio Stampa (del 27/12/2012 alle 10:55:58, in Ufficio Stampa, linkato 920 volte)
Il Decalogo per la costituente Socialdemocratica vuole essere il primo atto politico di chi crede che ci sia in questo nostro Paese una prospettiva autenticamente riformista.
E' aperto al contributo di tutti coloro i quali vogliano partecipare a questa fase costituente che si concluderà con l'assise che vedrà insieme Partiti, Movimenti, Associazioni, Fondazioni che si richiamano ai nostri valori, che numerose stanno aderendo.


Mimmo Magistro


COSTITUENTE SOCIALDEMOCRATICA
Una Costituente per l'Italia


Europa, Federalismo, Assemblea Costituente, Lavoro, Welfare, Giustizia, Equilibrio territoriale, Moralità, Laicità, Democrazia.
Il nostro decalogo per costruire un programma.

1) L'Europa
Federazione di Stati aperta all'area Euromediterranea governata da istituzioni democraticamente elette

2) L'Italia stato federale
Una nuova Assemblea Costituente per riformare il modello costituzionale, facendo salvi i principi fondamentali e garantendo nuove Istituzioni, più efficienti e rappresentative.
Istituire il Referendum popolare propositivo.
Abolire ogni retaggio feudale, a partire dalla nomina di Senatori a vita.

3) Un new deal italiano per lavoro e sviluppo
Varare un grande progetto di investimenti pubblici e privati per la tutela dell'ambiente, la sicurezza e la riqualificazione dei territori, la valorizzazione del patrimonio culturale, artistico, paesaggistico e naturale, le infrastrutture grandi e piccole, l'istruzione di base, media e universitaria, la formazione, l'innovazione tecnologica e la ricerca scientifica.
Dimezzare il carico fiscale sul lavoro e favorire l'aumento delle retribuzioni.
Agevolare le start-up e le imprese che assumono nuovo personale.

4) Una politica contro gli squilibri territoriali
Indirizzare tutte le politiche economiche allo sviluppo armonico dei territori ed all'eliminazione delle aree di sottosviluppo.
Mai più contributi a pioggia ed a fondo perduto.
Creare zone franche e fiscalità di vantaggio nel Mezzogiorno.

5) Uno Stato meno costoso e più efficiente
Fisco equo per pagare tutti le tasse, senza esagerazioni di polizia fiscale.
Abolire l'IMU sulla prima casa e dimezzare le accise sulla benzina.
Dimezzare le spese militari ed i costi della politica.
Eliminare gli sprechi delle e nelle pubbliche amministrazioni, snellire gli apparati e alleggerire il peso della burocrazia su cittadini e imprese.
Corretta gestione dei beni patrimoniali dello Stato per renderli produttivi e creare cassa per il loro stesso mantenimento, dismettendo il superfluo.

6) Welfare diritto di cittadinanza (non carità pubblica né assicurazione privata) 
Garantire parità di base fra i cittadini nel diritto alla sanità ed all'istruzione, funzioni pubbliche da gestire con razionalità e senza sprechi.
Affidare alla governance territoriale competenze e risorse per lo Stato sociale. 
Liberalizzare i servizi locali mantenendo la proprietà pubblica dei beni comuni.
Rivoluzione digitale come rivoluzione culturale per l'erogazione e la fruizione dei servizi.
Tutelare e incentivare la famiglia come nucleo fondamentale di cura e di formazione umana.
Rivisitare il sistema pensionistico nel segno dell'equità, rendere, nel metodo contributivo, il momento della pensione una libera scelta del lavoratore e favorire il turn-over per inserire più giovani nel mondo del lavoro.

7) Sistema Giustizia da riformare
Priorità alla riforma organica del sistema giudiziario civile e penale.
Responsabilità civile dei magistrati, carriere separate per giudici e pubblici ministeri.
Reale parità delle parti nello svolgimento del processo.
Formazione specialistica dei magistrati.
Taglio degli incarichi fuori ruolo, delle docenze, degli arbitrati per i magistrati ordinari.
Ridimensionamento del ricorso alla magistratura onoraria sottopagata.
Istituzione del manager della giustizia e del processo telematico in ogni tribunale.
Riorganizzazione delle cancellerie e riduzione dei contributi unificati.

8) Il controllo pubblico delle banche e delle assicurazioni
Moralizzare la gestione delle banche, istituire un tetto per i costi del management.
Tassare le transazioni finanziarie e gli utili d'impresa degli istituti bancari.
Introdurre regole certe di probità e trasparenza nel commercio dei prodotti finanziari.
Fissare un tetto massimo per i costi dei servizi bancari e della r.c.a.

9) Laicità, democrazia e diritti per il cittadino
Nuove leggi per la libertà d'informazione e garanzie effettive di anti-trust.
Sicurezza delle persone e dei beni, contrasto vero ed efficace di tutte le mafie.
No al razzismo, no all'omofobia, sì alla libertà e alla dignità di ogni persona umana.
Protezione della vita e della salute della donna, sì all'eutanasia e alla ricerca biomedica.
Tutela più efficace per il diritto alla privacy ed alla riservatezza nella vita delle persone.

10) La moralità della politica
Una legge per la trasparenza e la democrazia nei partiti politici e nei sindacati.
L'unico sistema elettorale buono è quello coerente con il disegno istituzionale.
Limite massimo di tre mandati parlamentari fissato per legge, con deroghe possibili solo per chi ha svolto ruoli istituzionali di prima grandezza.
Escludere la candidatura di sindaci e presidenti di regioni e province a guidare altri enti territoriali prima dei cinque anni dalla fine del mandato precedente.
Modifica costituzionale per eliminare il retaggio feudale della nomina dei senatori a vita.