\\ Home Page : Articolo : Stampa
Vendola ed Emiliano, come gatto e topo, non onoreranno mai il loro accordo!
di Ufficio Stampa (del 07/02/2012 alle 10:50:13, in Ufficio Stampa, linkato 800 volte)

“Quello che accade alla Regione Puglia ha dell’incredibile. Presidente, vice presidente(Capone) ed assessori (Pelillo, Amati, acc..), eletti  appena 20 mesi fa, anziché pensare a gestire il territorio per il quale hanno chiesto ed ottenuto voti e da cui ricevono suntuosi stipendi con cui campano , dedicano il loro tempo solo alle loro sfrenate ambizioni personali.

Vendola – al quale riconosciamo una faccia tosta incredibile- si ammanta di buonismo e di modernità cercando di coinvolgere nel suo minestrone politico  anche alcuni sindaci che non sono certo comunisti, da De Magistris, ad Emilano, al solo scopo di far gonfiare i consensi elettorali a Sel, nelle cui retrovie, pronti a tornare al Parlamento ci sono stanchi faccioni di vecchi comunisti della preistoria della politica.

Ha destato scalpore, soprattutto in Puglia, l’annuncio dell’alleanza tra Vendola ed Emiliano che da anni giocano come gatto e topo. Ognuno dei due pensa di “fregare” l’altro. A mio parere il matrimonio non si farà perché il Sindaco di Bari è abbastanza scaltro per capire che se Nichi – anche con i suoi voti- cresce  a livello nazionale- non farà certamente spazio a lui alle regionali ma troverà una scusa qualsiasi per battersi per uno dei  suoi più fidi scudieri quali Minervini ed Amati. 

Quest’ultimo ha subito una metamorfosi, da compassato professorino, a feroce osservante del credo vendoliano, anche nel modo di vestire e nella fluente chiama abbandonata al vento come i sessantottini delle Fabbriche di Nichi.

Vendola, peraltro, comprende bene che Emiliano vuole utilizzare la Regione solo come trampolino di lancio verso i vertici della politica nazionale dove punta, invece, a sistemarsi lui. Solo che Emiliano ci arriverà fresco, mentre lui sarà stanco, invecchiato e si porterà sempre dietro l’etichetta di ultimo comunista del mondo occidentale.”

Mimmo Magistro
Presidente Nazionale Isd (i Socialdemocratici)