\\ Home Page : Articolo : Stampa
Convocazione Direzione Nazionale
di Ufficio Stampa (del 18/11/2011 alle 11:48:24, in Eventi, linkato 1833 volte)
Cari compagni, la Direzione Nazionale è convocata per sabato 19 novembre p.v. a Bari- alle ore 11.00 presso il Victoria Hotel di Bari Palese, per discutere sul seguente o.d.g.: 1) Relazione del compagno Mimmo Magistro e provvedimenti conseguenti; 2) Vaie ed eventuali. La riunione è aperta ai revisori dei conti, ai probiviri, ai segretari regionali, provinciali conchè ai componenti il consiglio nazionale purchè in regola con il tesseramento 2011.
Mimmo Magistro


Cari compagni, faccio seguito alla mie note precedenti per aggiornarvi circa l'esito dei contatti in essere con il dr. Renato D'Andria. Come vi è noto, il Tribunale di Roma dopo avere confermato per tre volte le nostre ragioni nelle fasi cautelari, nell'udienza di merito ha riconosciuto valida la riunione di dicembre 2006 che portò all'elezione del D'Andria a segretario nazionale in sostituzione di Carta. Ho incontrato D'Andrai più volte, anche con i compagni Calì e Longo. Nell'incontro di lunedì scorso ho però definitivamente verificato la indisponibilità organizzativa e politica a vedere riconosciuto l'intero attuale gruppo dirigente. Tenuto conto che già nei congressi e nelle assisi statutarie era stato assunta la decisione di dare discontinuità giuridica al vecchio Partito e che anche ultimamente sono proseguite le notifiche di atti giudiziari relativi a presunti debiti del vecchio PSDI, ritengo utile, alla mia persona ed alla mia famiglia, nonchè per ciascuno di voi(trattandosi di associazione potrebbe insorgere, in linea di principio, un vincolo solidaristico, anche se molto improbabile) lasciare nelle mani del D'Andria la responsabilità giuridica del PSDI, anzichè intraprendere nuove e costose contrapposizioni giudiziarie. Nella riunione della Direzione, anche sulla base di colloqui intercorsi con gli altri vertici del Partito e semplici militanti, dovremmo prendere atto della sitruazione creatasi e contestualemnte dar vita ad un nuovo soggetto politico che nasca sulla base dello Statuto che ci siamo dati nel 2010 e del documento politico approvato a giugno scorso a Barletta, per l'assemblea programmatica. Ovviamente tale documento sarà aggiornato dal compagno Longo alla luce degli ultimi avvevimenti. Ritengo che i socialdemocratici- saragattiani- debbano diventare forza di denuncia degli sprechi della politica e richiedere un ritorno alla volontà dei costituenti anche attraverso un referendum, la cancellazione di tutte le leggi x la casta. I compagni presenti alla Direzione o presenti o Bari potranno sottoscrivere l'atto formativo che , comunque ,vi sarà anticipato con altra nota, unitamente alle proposte della denominazione da assumere ed al simbolo per i quali attendo i vostri consigli. Coloro i quali, pur assenti, condivideranno la proposta potranno inviare per posta elettronica o cartacea la loro adesione. La mia idea è che, nelle more del 1°Congresso -da svolgersi entro il 10 dicembre in caso di scioglimento delle camere o a metà gennaio, il gruppo dirigente rimamga inalterato ovvero che siano sostituiti coloro i quali non hanno rinnovato la tessera o non aderiranno all'iniziativa. I peccati dei padri non devono ricadere sui figli. Purtroppo in questi 5 anni il nostro percorso è stato sempre in salita perchè abbiamo dovuto indirizzare molti sforzi a sanare e giustificare quanti in nome del PSDI, honno depredato lo Stato e danneggiato il movimento. Ogni volta che si parla del PSDI il riferimento non è mai x Saragat (ignorato dalla grande stampa) ma ai Pietro Longo, ed ai Tanassi. Vi abbraccio . Mimmo