\\ Home Page : Articolo : Stampa
"DICO; SCELTA DI CIVILTA' "di Ciro Tinč
di Ufficio Stampa (del 13/02/2007 alle 13:34:31, in Lettere Aperte, linkato 644 volte)

Ho letto la nota EDITTO del sig. d'Andria e da Socialdemocratico, militante di un Partito sensibile ai problemi sociali, sento l'obbligo di dissentire da quanto in essa riportato. il nostro Partito -laico- dovrebbe lasciare al centro destra la GHETTIZZAZIONE di alcuni strati della società e la tutela di altri con leggi ad personam. Gli aggrovigliati ARZIGOGOLI non hanno mai rappresentato il nostro ILLUMINATO PENSIERO!! Innanzitutto tengo a precisare che le leggi emanate dal Parlamento Italiano non devono e non possono essere BACCHETTATE da altri Stati e che lo Stato LAICO, pur tenendo in debita considerazioni le osservazioni, NON I DIKTAT, ha il DIRITTO-DOVERE di applicarle a salvaguardia dei diritti di TUTTI I CITTADINI. A quanto mi consta, dopo avere esaminato il documento e letto le responsabili, ARTICOLATE osservazioni di eminenti personalità della cultura e del BUON giornalismo, la legge rappresenta una novità al passo con i tempi e tutela TUTTI, anche coloro che per motivi contingenti familiari hanno dovuto fare scelte che non rientrano negli INVETERATI canoni delle IMPOSIZIONI. A mio giudizio la CHIESA ha il diritto di proporre delle osservazioni, ma ha il DOVERE di rispettare la volontà del Parlamento DI CAMMINARE PIU’ SPEDITAMENTE AL PASSO CON I TEMPI. Siamo nel terzo millennio E I COSTUMI SI EVOLVONO!!! Il vecchio canone di dovere vivere in eterna conflittualità con il partner e non avere la possibilità di riconquistare la propria libertà è stato risolto con una Legge a lungo osteggiata, ma che è stata PROMULGATA! Con lungimiranza ed apertura mentale i problemi innovativi sono sempre stati affrontati dai SOCIALDEMOCRATICI che, dopo averli esaminati IN ASSEMBLEE provinciali e regionali, a volte con dibattiti vivaci e contrastanti, hanno VARATO INSIEME i deliberati e li hanno affidati POI al proprio portavoce. Come in precedenti occasioni dobbiamo INVECE rilevare che UNICUM decide ed emana!! IO NON CI STO perché la DICO è una buona Legge, forse perfettibile nel titolo e nei contenuti, ma non certamente da GETTARE ALLE ORTICHE e, come tale, va sostenuta e non osteggiata. Credo che la maggioranza dei compagni è d'accordo con il CENTRO SINISTRA EVOLUTO e rispetta il PROGRAMMA, da tutti votato alle PRIMARIE. I DISTINGUO O ADDIRITTURA LA SCELTA IMMORALE dell'altro schieramento dimostra una pericolosa incoerenza ed il RECONDITO TENTATIVO di riconsegnare il POTERE a chi per 5 anni lo ha adoperato per risolvere problemi personali o la malcelata ambizione di poter alzare il PREZZO DELLE PROPRIE QUOTAZIONI! I SOCIALDEMOCRATICI VERI non sono più disposti ad eseguire ORDINI, ma vogliono riprendere a fare politica VERA, allontanandosi dalla REALITY POLITIK inaugurata DA UOMINI DI SPETTACOLO e dalla maggioranza OSTEGGIATA CON VEEMENTE DEMOCRAZIA. I SOCIALDEMOCRATICI,CONSAPEVOLI DELLA FORZA IDEALE CHE LI HA SEMPRE ANIMATI, VOGLIONO CHE ALL'INTERNO DEL PARTITO SIA RIPRISTINATA LA DEMOCRAZIA E LA LIBERTA' DI DIALETTICA.

Ciro Tinè