\\ Home Page : Articolo : Stampa
TRIBUNA LIBERA. CODICE ETICO
di Ufficio Stampa (del 27/10/2009 alle 16:49:06, in Ufficio Stampa, linkato 826 volte)

di Ciro Tinè

Alla luce degli ultimi avvenimenti si evince che tutti i partiti devono dare vita ad una commissione etica che "anatomizzi" le persone che chiedono di fare parte della vita attiva di essi. Non è più prorogabile un'azione di trasparenza e di visibilità dei singoli nei riguardi degli iscritti e dei simpatizzanti. Non esiste privato dal momento in cui uno sceglie di interessarsi dei problemi della gente, perchè da quel momento diviene estremamente vulnerabile. Nessuno vuole essere il "torquemada" della vita privata di chicchessia, fin tanto che rimane privato.Sento la necessità di affidare a questo mio il messaggio che ho maturato ascoltando gli umori di moltissimi amici e non, perchè ormai il perpetrarsi di atti lesivi della morale hanno stancato chi crede di scegliere un suo delegato onesto e non colluso o corruttibile, economicamente e moralmente. E' impensabile potere appartenere ad una "famiglia" permissiva e sconclusionata. Trans o escort sono la medesima faccia della medaglia, ricattabili e sfiduciati, perdonabili se uomini privati esecrabili se uomini pubblici! Etica è il grido che deve risvegliare le coscienze libere e oneste. Il PSDI custidisce nel suo DNA gli anticorpi per potere rinascere con i raggi del suo sole che riprenderanno a scaldare i cuori degli indomabili.