\\ Home Page : Articolo : Stampa
MAGISTRO: IL PSDI PREPARA UN RICORSO AL TAR PER RIVEDERE TUTTE LE SCHEDE ED UNA SEGNALAZIONE ALLA PROCURA PER LO SVOLGIMENTO COMPLESSIVO DELLE ELEZIONI.
di Ufficio Stampa (del 12/06/2009 alle 12:04:44, in Ufficio Stampa, linkato 792 volte)
Siamo pronti, doverosamente, a rispettare l’esito ed il responso degli elettori, ma proprio per rispetto dei nostri elettori, abbiamo l’obbligo morale di verificare sul piano amministrativo – e se necessario sul piano penale - il corretto svolgimento delle elezioni nelle sue fasi preparatorie, nelle fasi del voto ed in quelle dello spoglio. Ci giungono segnalazioni – che stiamo verificando e che stiamo facendo certificare – di malavitosi che in alcuni quartieri hanno sostato fuori dai seggi imponendo partiti e candidati; presidenti di seggio che non hanno consentito ai rappresentanti di lista di poter assolvere al “diritto – dovere” di verificare le schede, di urne aperte e richiuse più volte, di migliaia di schede dichiarate nulle anche quando era chiara la volontà dell’elettore, di intere famiglie, padre, madre e figli che gestivano il seggio. Ad un nostro candidato che aveva sollecitato l’intervento delle forze dell’ordine perché fossero allontanati dai pressi del seggio alcuni malavitosi sostenitori di un candidato dopo un’ora è stata danneggiata l’auto. Alle tre di notte di lunedì è stato minacciato un nostro rappresentante di lista che vedendo uscire dei plichi di schede non sigillati si era rivolto invano alle forze dell’ordine, nel quartiere Libertà. Vogliamo sapere con quale criterio e da chi sono stati sostituiti i presidenti di seggio e scrutatori, quante schede sono state stampate, chi le custodiva e quante ne sono state rese indietro. Vogliamo soprattutto che nel ballottaggio non ci sia alcuna ombra perché ci pare quantomeno strano - anche se materialmente non lo possiamo dimostrare perché ci mancano ancora ora i dati sezione per sezione- che nella città di Bari ci sia stato un voto chiaro e netto e scrutini veloci per il “centro – destra” alla provincia e alle circoscrizione e confuso e ritardato per il Comune. Niente indici puntati, ma chiarezza, si, quella è necessaria! Siamo lieti che questa nostra decisione sia stata condivisa anche dal dr. Francesco Simplicio, Segretario Provinciale dell’UDEUR.