\\ Home Page : Articolo : Stampa
TOMASSINI:AVANTI CON LA COSTITUENTE DI CENTRO. PRIMI PASSI A CHIOGGIA
di Ufficio Stampa (del 19/01/2009 alle 13:08:17, in Ufficio Stampa, linkato 687 volte)
Il PSDI valuta positivamente la scelta effettuata dal Consigliere Comunale di Chioggia Dario Fornaro, eletto in una lista di area socialista, di aderire al gruppo consiliare UDC-Costituente di Centro, in quanto rappresenta una sperimentazione a livello locale di quello che auspicabilmente dovrebbe realizzarsi a livello nazionale e cioè la realizzazione di una aggregazione di tutte le forze che si riconoscono in una democrazia di tipo parlamentare, che privilegi il sistema elettorale tedesco di fronte ad un presidenzialismo senza contrappesi che, cancellando il ruolo delle forze politiche, impedirebbe ai cittadini di partecipare alla vita politica del paese. Il Presidente Nazionale del PSDI Alberto TOMASSINI ritiene che esistano le condizioni perché in tale situazione di grave emergenza per il paese che rischia di minare la solidità degli stessi assetti istituzionali, tutti coloro che considerano preminente affrontare e risolvere in via definitiva la precarietà di tale situazione devono unire le loro forze per raggiungere tale obiettivo facendo prevalere il bene comune all’interesse di parte. La creazione di un’area moderata ma contestualmente impegnata a realizzare le riforme indispensabili, ivi compreso un federalismo che razionalizzi e renda maggiormente efficace la spesa pubblica senza incrementi della medesima, per la modernizzazione e la competitività del paese e che abbia come riferimento finale l’abbattimento dell’enorme debito pubblico accumulato che rappresenta la causa di tutte le debolezze economiche e politiche dell’Italia e l’impedimento di qualsiasi politica effettiva di sostegno economico e sociale. I socialdemocratici, memori del pensiero di Saragat e Matteotti, stanno operando affinché l’unione di tutte quelle forze laiche, liberali, popolari, socialiste che si riconoscono in questo progetto convergano unitamente all’UDC per costruire una credibile alternativa democratica alla deriva bi-partitica che renderebbe inamovibile e senza ricambio l’attuale classe dirigente, rivelatasi incapace di dare le risposte che il Paese si attende da oltre 15 anni. Il Presidente Nazionale del PSDI Alberto TOMASSINI ricordando che dette culture politiche protagoniste della costruzione dello stato democratico repubblicano hanno consentito così sulla base delle regole costituzionali di governare anche a coloro che non si riconoscevano in esse, ha ribadito l’indispensabilità della funzione dei partiti, che non possono identificarsi con le istituzioni, e debbono essere soggetti a regolamentazione per legge.