\\ Home Page : Articolo : Stampa
LETTERA APERTA AL DIRETTORE DI "PUGLIA"
di Ufficio Stampa (del 02/12/2008 alle 15:20:20, in Lettere Aperte, linkato 1060 volte)

02 dicembre 2008

Caro Direttore,

avere la prima pagina su un quotidiano fa sempre impressione ed inorgoglisce. Non ti nego che stamani sono uscito di casa un po’ “petto in fuori”.Vorrei – consentimelo – per i 40 anni di affetto che ti porto, rassicurare i miei amici ed i miei elettori di tre cose.

La prima è che ho perso – rispetto alla foto pubblicata – dieci chili e guadagnato dieci anni di salute. La seconda è che Nichi da noi socialdemocratici per i prossimi cento anni, non sarà candidato né in Puglia e né in Italia perché rappresenta la delusione più grande della mia vita sia sul piano personale (sulla lealtà è una frana) che su quello politico (la sua pregiudicatezza nell’uso della discrezionalità amministrativa è allarmante per quelli che verranno dopo di lui). Insomma, ci ha fatti fessi una volta ma non può pensare che siamo scemi! Può essere candidato al Premio Oscar perché è diventato un attore eccezionale. Infine, terzo ma più importante aspetto che vorrei subito dissipare, avendone tu fatto accenno nel “corsivetto” è che io lavori per conto terzi.

Posso rassicurarti che così non è. Certo la politica è l’arte del possibile ma Mimmo Magistro sarà candidato Sindaco sino alla fine perché ritiene di poter rappresentare il giusto mix di esperienza politica, professionale ed amministrativa per ridare serenità, normalità, tranquillità e benessere ad una città che per colpa di sinistra e destra da mesi è in una sorta di guerra civile in cui il Teatro Petruzzelli è diventato l’unico argomento di confronto e scontro quando, invece, come ben sai tu che operi nella Zona Industriale di Bari, c’è il problema occupazionale che dovrebbe tenere tutti allarmati.

Se mi consenti sul problema Petruzzelli il centrodestra si è comportato da “dilettanti allo sbaraglio”. L’inaugurazione che, volendo o nolendo, sarà fatta dal Sindaco Emiliano, (nessuno pensi di farlo dopo le elezioni perché Emiliano avrebbe il 95% dei voti), andava anticipata il più possibile per sterilizzare gli effetti mediatici. Invece, il rinvio a marzo consente ad Emiliano di ottenere il più lungo spot elettorale nella storia della politica italiana.

 Ho detto e ripeto che, da barese, non voglio assuefarmi all’idea che Berlusconi ( o Fitto ) e D’Alema debbano scegliere il Sindaco di Bari.Voglio propormi sia a quei cittadini che si sentono progressisti, riformisti, laici e cattolici illuminati, sia a giovani, donne e pensionati che vorrebbero una città più solidale, più sicura, più vivibile.

Ti abbraccio con immutato affetto, stima e simpatia.

Mimmo Magistro