\\ Home Page : Articolo : Stampa
VENDOLA FILOSOFO E VENDOLA ATTORE . IL PSDI PREFERISCE IL PRIMO
di Ufficio Stampa (del 14/05/2008 alle 16:16:39, in Articoli Magistro, linkato 1096 volte)
La Segreteria Regionale del PSDI ha dichiarato: “La decisione di Vendola di procedere rapidamente ad una verifica alla Regione Puglia va nel senso auspicato dal PSDI che, così come intende fare Vendola, deve anche dar conto ai propri elettori di come siano stati utilizzati gli oltre 12.000 voti indirizzati verso il governatore, oltre che verso i propri candidati al Consiglio , nelle ultime elezioni regionali. Ovviamente il PSDI chiede a Vendola che la verifica non si faccia “a modo suo” – come minaccia sulla stampa, ma come si fa tra persone civili. Se – come in passato – deve essere un incontro a “perdere tempo” lasci stare. Soprattutto se è ancora “innamorato pazzo” della sua Giunta. Giunta con tanti amici, tecnici e non, di dirigenti assunti senza che abbiano i requisiti per poter esserlo, di top manager scelti prima che fosse pubblicato il bando, di settori ove gli assessori hanno invaso le competenze istruttorie dei funzionari, di strutture ove la predisposizione degli atti è lasciata all’arbitrio e non al rispetto della data di protocollo, di enti ed assessorati che continuano ad assumere precari, di commissari EDISU, APT, IACP, Consorzi di bonifica che avrebbero dovuto chiudere gli enti in sei mesi e che sopravvivono da tre anni – con gioia dei rispettivi assessori che così ne anno un controllo diretto (in barba alla doverosa presenza di associazioni sindacali e di consumatori). Ci deve dire cosa accade al Settore Legale ed a quello della Formazione Professionale ove ci sarebbero professionalità interne che vengono regolarmente mortificate a favore, di amici e di amici di parenti. Per non parlare di Acquedotto Pugliese e dell’inopportunità di chiamare figure professionali al di fuori della Regione Puglia – come per il suo nuovo Capo di Gabinetto – figura che nella storia della Regione (a costo zero per la collettività), è stata sempre ricoperta da dirigenti interni. Quanto alla sua ricandidatura , ci vada piano! Va posta ai partners e non imposta attraverso la stampa. Se dovessimo dare un giudizio sulla sua personale gestione, questo sarebbe ampiamente negativo. L’eventuale elezione a leader di Rifondazione Comunista non aiuterebbe certo a risolvere i problemi. Ci piace più Vendola filosofo che Vendola attore, anche perché , nonostante lo avessimo posto sul tavolo politico più volte – ancora oggi non riusciamo a comprendere il motivo dello spreco di risorse a favore della Puglia Film e l’evidentissimo conflitto d’interesse tra l’assessore competente e la sua presenza nel Consiglio di Amministrazione, prima come Presidente ed ora come Consigliere. Invitiamo Vendola a rileggersi la favola di Fedro sulle bisacce. Che dire poi delle decisioni, assunte sempre con pochi intimi, sulla nomina della nuova società “Acqua Spa” o dell’ultima creatura nata dalla fusione tra Tecnopolis e Finpuglia? Ove nei prossimi giorni, non si dovesse iniziare a dare discontinuità al governo complessivo regionale, il PSDI, il cui Direttivo si riunirà nella prossima settimana, prenderà atto che gli impegni politici assunti tre anni fa sono carta straccia e che prevale la logica della Giungla dove comanda il più forte o chi detiene il potere come giustamente denunciato al Comune di Bari dai consiglieri di Rifondazione Comunista contro il sindaco Emiliano. “Pacta sunt servanda” – gli accordi vanno rispettati - dicevano i latini e lui non può continuare a disattenderli , anche quando, tali impegni sono stati sanciti da una semplice stretta di mano”.