\\ Home Page : Articolo : Stampa
COERENZA E REGOLE
di Ufficio Stampa (del 15/01/2008 alle 11:47:37, in Lettere Aperte, linkato 679 volte)

di Ciro Tinè

Il paese attraversa un periodo di gravi emergenze ed il buonsenso consiglierebbe la responsabilità di tutti, un armistizio armato che permetta di riportare ordine e serenità. Invece è sotto gli occhi di tutti il miasma politico che si assomma a quello ecologico. Quello che sta accadendo per la disastrosa, epidemica, emergenza rifiuti evidenzia un quadro di opportunismo politico senza eguali. Forze politiche che si definiscono d’ordine cavalcano il dissenso, forse (non) rendendosi conto, del caos esplosivo innescato da coloro che da esso traggono vantaggi economici rilevanti. l’italia è una e indivisibile, mi è sempre stato insegnato, ma la mancanza di solidarietà di alcune regioni dimostrano tutto il contrario, anche se le gravi manchevolezze emerse con eclatante emergenza sono da addebitarsi a chi ha pensato a tirare a campa’, per il consueto opportunismo politico, senza pensare minimamente ad anticiparlo con provvedimenti civili. Quello che manca al paese, non voglio, per quello che mi accingo a scrivere, essere accomunato a torquemada o robespierre, è la coerenza e regole precise, che molti legislatori si sono preoccupati di sancire che vengono interpretate ad uso strettamente personale. Siamo tutti convinti e continuiamo a diffonderlo che la legge elettorale porcata va cambiata, ma, con comportamento ambiguo, tutti i partiti, che vogliono perpetrare nel tempo l’opportunismo politico, la bloccano e ogni tentativo di soluzione viene vanificato con pretestuosi distinguo. coerenza e regole, regole e coerenza viene richiesta a gran voce dai cittadini, comportamenti che dovrebbero costituire i fondamentali principi di un politico onesto. la gente è disorientata e profondamente amareggiata, si sente tradita da coloro che ha scelto a rappresentarla, perché troppo spesso accade il salto della quaglia!!! non riesce, nella sua onestà, a capirne il motivo! per me e’ estremamente facile: si chiama opportunismo politico!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! continuo a darmi dello stupido ! perché ho sempre pensato che milito in un partito di centro sinistra (si badi bene, non di estrema sinistra), che ho sempre onorato e con il quale la gente mi ha sempre identificato e certamente non ho nulla da spartire con il centro destra. forse se avessi, violentando il mio essere, seguito preti, ferri, vizzini e altri, avrei messo in campo l’opportunismo politico che oggi avvelena molti militanti e che mi avrebbero garantito sedie e privilegi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1 il pse è la mia casa il ppe è un mio antagonista! coerenza, coerenza, coerenza rimane quale strada da seguire e qualsiasi scorciatoia sostenuta dall’opportunismo deve essere bandita con decisione e correttezza. le emergenze ( sono tante), concentriamo le nostre forze intellettuali e contribuiamo alla loro soluzione e con coerenza sosteniamo il nostro diritto di appartenenza, con pari dignità, alla compagine di centro sinistra, chi non ci sta lo dica e si incammini sulla via di damasco, fulminata dalla parola del messia. io e tutti coloro che la pensano come me continueremo a rappresentare il partito nel suo naturale alveo.