\\ Home Page : Articolo : Stampa
RIFLESSIONI SUL PARTITO DEMOCRATICO E AREA SOCIALISTA
di Ufficio Stampa (del 18/10/2007 alle 17:41:05, in Lettere Aperte, linkato 1085 volte)

Il 14 ottobre ha sancito la nascita del Partito Democratico, a cui riconosco la capacità organizzativa e il tentativo di fare sorgere qualcosa di nuovo, ma rimango in trepida attesa per conoscere se veramente è nato qualcosa di nuovo o un assemblaggio del vecchio con un nuovo abito. Di fronte al nuovo che avanza inesorabilmente le anime della sinistra DEVONO AVERE IL CORAGGIO,seppure nelle diversità ideologiche, di intraprendere il cammino verso la VERA REALIZZAZIONE dell’area socialista, che dovrebbe essere già stata realizzata, per dare vita ad un centro sinistra forte che possa finalmente attuare,senza coercizioni di alleati poco credibili, le riforme necessarie per migliorare le condizioni di vita. L’attuale quadro politico ci costringe, se non cambiano drasticamente le condizioni, A MANTENERCI IN MEZZO AL GUADO, ritardando la possibilità di ristabilire a breve affidabilità e credibilità nel nostro elettorato. Il qualunquismo e l’opportunismo che ha dominato, e continua a dominare, la vita politica nel nord est ha reso sterile qualsiasi iniziativa dei compagni, ANIMATI DAL SACRO FUOCO DELLA SOCIALDEMOCRAZIA, che guardano con enorme apprensione e SPERANZA gli sviluppi di un possibile accordo tra il variegato orizzonte del SOCIALISMO RIFORMATORE. Queste mie riflessioni caratterizzano il mio stato d’animo RIBELLE che da troppo tempo attende che la POLITICA SI OCCUPI DELLA GENTE. SONO CERTO CHE BISOGNA INVENTARSI QUALCOSA DI NUOVO CHE COINVOLGA APPARTENENTI, E NON, AI PARTITI per ripristinare la legalità nella vita quotidiana e il rispetto per la vita umana con una particolare attenzione per I TROPPI CHE SOFFRONO. Facciamo in modo che le nostre idee si incontrino e divulghiamole, così faremo conoscere agli INDIFFERENTI E AGLI SCETTICI, che esistiamo e vogliamo LAVORARE PER LORO E PER IL BENESSERE DI TUTTI. FATTI E NON PAROLE!!!!! FACCIAMO SENTIRE QOVUNQUE LA NOSTRA VOCE,con correttezza e soprattutto con CHIAREZZA.

Bassano 17.10.2007

Ciro Tinè