\\ Home Page : Articolo : Stampa
XXVII CONGRESSO NAZIONALE PSDI
di Ufficio Stampa (del 08/10/2007 alle 14:02:27, in Ufficio Stampa, linkato 752 volte)

ORDINE DEL GIORNO FINALE

 Il XXVII Congresso Nazionale del PSDI, riunito a Bellaria il 5, 6 e 7 ottobre 2007 ribadisce l’attualità del sistema di ideali e valori che i socialdemocratici professano da sempre sulla base dell’insegnamento di Giuseppe Saragat, padre fondatore tra i primi della democrazia repubblicana in Italia.

 La sintesi socialdemocratica tra libertà e giustizia sociale è la traccia lungo la quale l’area riformista di centro sinistra deve recuperare la capacità e la forza di guidare un processo vero di modernizzazione e trasformazione democratica del Paese.

Ai socialdemocratici è richiesto un nuovo sforzo per operare un salto di qualità nella propria presenza sul panorama politico italiano.

Una politica energetica legata alla visione eco compatibile dello sviluppo ed utile a preservare l’ambiente anche alla luce delle mutate condizioni del clima.

 Il fenomeno migratorio deve essere compatibile con la sicurezza dei cittadini. Accoglienza si, ma nel pieno rispetto della legalità a chi viene in Italia per lavorare, massimo rigore anche giudiziario, con certezza delle pene, per chi delinque.

I Socialisti Democratici esprimono l’incondizionato appoggio alle forze dell’ordine per sconfiggere la delinquenza di qualsiasi origine.

Garantendo il lavoro, i giovani potranno avere stabilità e costituire la propria famiglia che è la base insostituibile della nostra società.

 Il PSDI sostiene l’equità fiscale per consentire nuove opportunità di progresso. Sono queste le emergenze cui il sistema politico italiano non sembra in grado di dare risposte efficaci e concrete.

La sinistra riformista rischia di rimanere ancora a lungo una parte sostanzialmente minoritaria, se non saprà cogliere l’opportunità di unire tutte le forze attorno ad un progetto riformista moderno ma rigoroso e saldamente collegato al socialismo europeo. Nel versante riformista del centro sinistra il PSDI ritiene oggi necessario tenere salda e rafforzare, nell’organizzazione e nei contenuti, una posizione autonoma che assicuri la presenza dei socialdemocratici nel dibattito politico in una dimensione di dignità e di coraggio per dare un contributo serio di idee, di proposte, di iniziativa politica.

Il PSDI segue con la massima attenzione il processo di semplificazione del sistema politico cui oggi vogliono rispondere la nascita del Partito Democratico, elemento di forte novità nel panorama politico e la via intrapresa dalla Costituente Socialista.

Attorno al sole nascente devono ritrovarsi quanti si identificano nella tradizione saragattiana per ritrovare, insieme, il gusto della battaglia politica e per riconquistare la fiducia dei cittadini, dei giovani e delle donne.

Il Congresso Nazionale del PSDI dà mandato alla Direzione Nazionale ed alla Segreteria del Partito di verificare in tempi rapidi la percorribilità dell’ alleanza con la Costituente Socialista.